Pallavolo Superlega, Modena batte una brutta Milano

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui

Nel primo turno infrasettimanale della Stagione 2018-2019 di SuperLega l’Azimut Leo Shoes Modena ha battuto per 3-0 la Revivre Axopower Milano.
In un Pala Panini completamente sold out si è vista una Milano spenta ed incapace di reagire, la formazione lombarda non è riuscita ad opporsi alla squadra guidata da Julio Velasco, che ha tenuto a riposo diversi titolari in vista delle sfide contro Latina e Padova.
Milano invece dovrà riordinare le proprie idee e rimettersi a lavorare per cercare di guadagnare più punti possibili nelle prossime due sfide rispettivamente contro Castellana e Sora.

Pallavolo SuperLega, la cronaca di Modena-Milano –
Julio Velasco schiera una formazione “insolita” rispetto alle tre precedenti gare di campionato: in palleggio Christenson, opposto Pinali ( che sostituisce Zaytsev), al centro Holt e Anzani, le bande Urnaut e Kaliberda e come libero Rossini. Dall’altra parte coach Andrea Giani parte con una novità importante : l’opposto Simon Hirsch, neo acquisto della formazione meneghina annunciato proprio nella mattinata. In palleggio Sbertoli, al centro Piano e Kozamernik, le bande Clevenot e Maar ed infine come libero Nicola Pesaresi.

Leggi anche:  Mercato pallavolo femminile serie A, bel colpo per Conegliano

Fin dai primi punti Modena fa capire che non ha intenzione di perdere la partita e si porta avanti sul 5-0. Piano mette a segno il primo punto per la formazione milanese, che sbaglia ancora troppo e permette ai padroni di casa di allungare ancora il vantaggio accumulato. Sul punteggio di 14-8 Milano sembra avere una piccola reazione grazie agli attacchi di Hirsch. Il set si conclude con l’ace di Christenson sul 25-15.
Il secondo parziale inizia esattamente come era finito quello precedente; Milano si ritrova subito a rincorrere gli avversari e Giani per sbloccare la situazione prova un cambio in regia: dentro Marco Izzo per Sbertoli. Il cambio inizialmente sembra portare tranquillità e continuità alla squadra meneghina che resta attaccata a Modena sul 16-13, complici anche degli errori dei padroni di casa. Ma ancora una volta la confusione e la mancanza di lucidità dei milanesi permettono a Modena di scappare sul +6, Giani cambia ancora e questa volta inserisce Basic al posto di un Maar fiacco. La situazione rimane sempre la stessa, Modena vince anche il secondo parziale per 25-18

Leggi anche:  Mercato pallavolo femminile serie A, bel colpo per Conegliano

Il terzo set riparte nella stessa maniera dei due precedenti, Modena realizza subito un break favorevole e Milano subisce i muri di Holt ed Urnaut. Sul 5-1 però due attacchi di Kozamernik permettono ai milanesi di riavvicinarsi ai gialloblu; un’errore di Clevenot segna nuovamente una svolta per Modena, al servizio va Maxwell Holt che sbaglia pochissimo e permette alla propria squadra di allontanarsi maggiormente dagli avversari con il punteggio di 15-8. Sul finale del set cambio anche per la formazione modenese: dentro il secondo palleggio olandese Keemink. Il mani out di Basic permette a Milano di raggiungere quota 17 punti, alla fine il set si concluderà con la vittoria di Modena per 25-17.

A fine partita viene premiato MVP Micah Christenson. Premio meritato per il palleggiatore americano che è riuscito a gestire perfettamente la partita, mettendo in difficoltà il muro avversario e distribuendo palloni perfetti ai propri compagni di squadra.

  •   
  •  
  •  
  •