Pallavolo maschile, Perugia vince la Supercoppa Italiana

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Pallavolo maschile, la Sir Safety Conad Perugia vince la Supercoppa Italiana battendo la Leo Shoes Modena al tie-break ( 27-25, 23-25, 25-23, 18-25, 15-12).
Un match molto duro che alla fine ha premiato i ragazzi di coach Vital Heynen . L’allenatore campione del Mondo e’ riuscito quindi a regalarsi subito un titolo in Italia.
Un successo importante per Perugia che conquista la seconda Supercoppa Italiana della sua storia dopo quella del 2017.
Mvp della finale e’ stato Wilfredo Leon, a Modena non sono bastati i 30 punti di un grandissimo Ivan Zaytsev per alzare al cielo la Coppa.
Il grande livello delle squadre in campo ha regalato, come da pronostico, una finale davvero combattuta che nel tie-break ha visto Perugia fare la zampata vincente.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Queste le parole dell’allenatore di Perugia Vital Heynen : ” Il merito del successo e’ tutto dei miei giocatori . Con impegno, forza di volontà e spirito di squadra hanno vinto un’altra partita molto dura. Nei momenti piu ‘ difficili i ragazzi hanno avuto la lucidità di guardare avanti. Prima di iniziare gli avevo detto che la vittoria sarebbe arrivata al tie-break, me lo sentivo. Ora e’ importante allenarci insieme e crescere nel gioco”  .

Aleksandar Atanasijevic : ” E’ normale soffrire quando si gioca contro una squadra di altissimo livello come Modena. In due giorni abbiamo vinto altrettanti match da sfavoriti e ora ci godiamo questa vittoria. Abbiamo dimostrato di essere una squadra unita e di saper giocare le gare importanti. Al tie-break eravamo sotto, ma una giocata di Podrascanin ci ha dato la forza di cambiare marcia. “

Andrea Giani : “I piccoli particolari che hanno deciso la partita purtroppo sono diventati grandi nel finale di tie-break : nella parte conclusiva della gara abbiamo avuto alcune situazioni di side out non ben gestite, potevamo giocare qualche palla alta migliore, ma dobbiamo considerare che davanti a noi c’erano dei grandi campioni. Usciamo comunque a testa alta con tanta consapevolezza dei nostri mezzi. ” 

  •   
  •  
  •  
  •