Pallavolo, Cristian Savani annuncia il ritiro. Ecco le sue parole

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


A 38 anni Cristian Savani dice stop alla pallavolo giocata.  Lo schiacciatore mantovano annuncia il suo ritiro, attraverso un post sui suoi social, dopo 20 anni di carriera conditi da uno scudetto, un bronzo olimpico e tanti altri trofei. Lo storico capitano della nazionale italiana ha mosso i primi passi in prima squadra col Carpenedolo in B2 nel 2000, prima dell’esordio in massima serie con la Gabeca Montichiari. Cristian ha un ricchissimo palmares: con la nazionale azzurra, nella quale ha militato dal 2001 al 2013, ha vinto un bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, due titoli di campione europeo, due argenti europei, un argento e due bronzi alla Word League e un bronzo alla Grand Champions Cup del 2005 in Giappone. A livello di club ha vinto uno scudetto italiano con la Lube nella stagione 2011/12, due campionati cinesi con Shanghai, una Coppa del Qatar, una Supercoppa italiana, una coppa CEV e due Challenge Cup.

L’annuncio di Cristian Savani

Dopo quasi 20 anni di carriera ho deciso che è arrivato il momento di voltare pagina. Scrivo questo post per ringraziare in primis lo sport che mi ha regalato e fatto vivere tante emozioni. Un grazie quindi alla pallavolo e a tutte le opportunità che mi ha dato. Ringrazio mia moglie Mihaela, che è stata la roccia che mi è sempre stata vicina in questi anni e mi ha assecondato in tutte le scelte che ho fatto, che la spalla su cui ho pianto nei momenti più bui. Perché una carriera è un mix di emozioni con cui cresci, capendo anche quali sono i conti che la vita da atleta ti lascia da saldare. Grazie anche a te Mia, perché dovunque sei stata, sballottata in giro per il mondo, hai sempre trovato il modo di far diventare tutto una splendida avventura. Ringrazio tutti i miei coach, i dirigenti, i fisioterapisti, i dottori e tutti i compagni di squadra e non, che ho incontrato in questo bellissimo viaggio. Sia nel bene sia nel male siete stati parte di tutto questo. Ora però è arrivato il momento di usare tutta la mia esperienza, tutta la mia grinta e tutta la mia dedizione per quella che sarà la mia secondo maglia…la mia seconda vita. Quella che utilizzerò fuori dal campo per realizzarmi in qualcosa che spero abbia ancora tanto a che fare con questo sport. Grazie a tutti, Sava“.

View this post on Instagram

Dopo quasi 20 anni di carriera ho deciso che è arrivato il momento di voltare pagina. Scrivo questo post per ringraziare in primis lo sport che mi ha regalato è fatto vivere tante emozioni. Un grazie quindi alla pallavolo e a tutte le opportunità che mi ha dato. Ringrazio mia moglie Mihaela, che è stata sia la roccia che mi è sempre stata vicina in questi anni e mi ha assecondato in tutte le scelte che ho fatto, che la spalla su cui ho pianto nei momenti più bui. Perché una carriera è un mix di emozioni con cui cresci, capendo anche quali sono i conti che la vita da atleta ti lascia da saldare. Grazie anche a te Mia, perché dovunque sei stata, sballottata in giro per il mondo, hai sempre trovato il modo di far diventare tutto una splendida avventura. Ringrazio tutti i miei coach, i dirigenti, i fisioterapisti, i dottori e tutti i compagni di squadra e non, che ho incontrato in questo bellissimo viaggio. Sia nel bene sia nel male siete stati parte di tutto questo. Ora però è arrivato il momento di usare tutta la mia esperienza, tutta la mia grinta e tutta la mia dedizione per quella che sarà la mia seconda maglia…la maglia della seconda vita. Quella che utilizzerò fuori dal campo per realizzarmi in qualcosa che spero abbia ancora tanto a che fare con questo sport. Grazie a tutti, Sava ❤️ #theend #volley #volleyball #lastdance #grazie

A post shared by Cristian Savani (@cristiansavaniofficial) on

  •   
  •  
  •  
  •