Allianz Powervolley Milano: si va a gara 3, Verona batte Milano 3-1

Pubblicato il autore: Raffaele Mileo Segui


I ragazzi di coach Roberto Piazza non chiudono la partita preliminari playoff nella gara di questa sera giocata contro la formazione di Rado Stoytchev che così tiene aperta la sfida che si chiuderà con gara 3.
Infatti la NBV Verona sconfigge per 3-1 la Allianz Powervolley Milano con i parziali di 20-25, 25-18, 25-20, 25-21 nel match valido per la seconda giornata dei preliminari playoff e che non danno così ai meneghini la possibilità di bissare il risultato di gara 1.
Milano che avrebbe voluto evitare gara 3 ha disputato solo il primo  set con grande impegno  in attacco,  in difesa e a muro mentre, forse anche per la stanchezza derivata dalla trasferta turca, nei set a seguire non ha saputo ripetersi e quindi ha fatto si che gli scaligeri divenissero padroni del gioco.
Oggi non abbiamo accettato di soffrire con una squadra che ha giocato la sua partita e la ha giocata bene – commenta il capitano Matteo Piano-.Noi siamo partiti bene vincendo il primo set con 5 punti di vantaggio, poi dopo quando siamo andati un po’ in difficoltà, non ci siamo trovati a nostro agio nella difficoltà e questa cosa nella post season la paghi. Le difficoltà le devi fare tue perché questo è il clima dei playoff ed è un momento saliente della stagione e tutti vogliono andare avanti. Ma per andare aventi devi saper stare nelle difficoltà, sia nel caso in cui giochi bene e gli altri male e viceversa. Ora ci concentreremo sulla gara di mercoledì di Cev Challenge Cup  con una squadra che abbiamo già battuto all’andata. Poi sarà tempo di gara 3, dobbiamo essere consapevoli che comunque noi abbiamo vinto gara 1 e che sappiamo essere grintosi. Siamo in parità. noi dovremo giocare la nostra pallavolo, sapendo che l’importante è poi vincere la partita”.

Cronaca
1° Set. parte bene Milano 0-2 con Ishikawa ma Verona  su errore di Urnaut sorpassa 5-4. Milano non ci sta e con Piano a muro fa 6-9 cui segue il +5( 8-13 ) di Ishikawa.
Verona prova a ricucire e con Jensen prima ed il muro di Caneschi su Patry dopo fa 17-19. Milano allunga ancora 17-21 e tempo Verona che però non ferma i meneghini chiudono il set 20-25.
2° Set: parte bene Verona che cambiata la rotazione con Spirito fa 6-2 e tempo Piazza. Al rientro è ancora Milano ad inseguire ma Verona allunga con l’ace di Kaziyskie si porta a +6 ( 10-4 ). Ancora un servizio vincente dei veronesi fa segnare il +7 (14-7) e nuovo time out di Piazza che al rientro si gioca la carta Weber e Basic per Patry ed Ishikawa: Milano prima con Kozamernik e poi con Weber prova a ricucire 16-10 ma verona allunga ancora 19-10 prima del 25-18 che chiude il set.
3° set: parte ancora bene Verona 6-4 con diagonale di Jensen e tempo Piazza. da qui si gioca punto a punto sino al +3 (15-12) di Verona con primo tempo di Caneschi. L’errore di Kozamernik da a Verona il +4 (19-15) e nuovo time out di Piazza che non ferma però l’allungo di Verona che con Zingel subentrato a Jensen chiude 25-20.
4° Set: Piazza conferma Weber per Patry mentre Stoytchev tiene in campo Zingel per Jensen cambio che sarà determinante nell’economia del set che si sviluppa in perfetto equilibrio sino al 19-19 di Maar chiamato a sostituire Urnaut. Verona però vuole allungare i preliminari e con il muro di Jaeschke fa 21-19 prima del 23-21 altro muro su Patry e dei due punti consecutivi di Zingel che fanno 25-21 e chiudono set e partita.

Leggi anche:  Finale scudetto pallavolo femminile, Lavarini commenta la sconfitta di Novara

NBV Verona – Allianz Powervolley Milano 3 -1 (20-25, 25-18, 25-20, 25-219
NBV Verona: Kaziyski 18, Magalini 0, Caneschi 11,Peslac 0, Aguenier 9 , Zingel 11, Jensen 9, Spirito 4 , Jaeschke 11, Bonami(L), N.e.: Asparuhov, Zanotti, Donati. All. Rado Stoytchev
Allianz Powervolley Novara:Kozamernik 9 , Basic 1, Daldello 0, Sbertoli 1 , Maar 3 , Patry 6  , Weber 10, Piano 7 , Ishikawa 12 , Urnaut 13  , Pesaresi(L). N.e.: Staforini(L), Meschiari. All: Roberto Piazza

MVP: Zingel
Arbitri: Luciani – Canessa. Terzo arbitro: Polenta

  •   
  •  
  •  
  •