Rugby Eccellenza, primo punto in trasferta per il Diavoli di Reggio Emilia

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui

Una domanda che ricorre di frequente in casi come questo: quello ottenuto ieri dal Conad Reggio contro il Mogliano (Mogliano 29 Reggio Emilia 27 il risultato finale) è un punto guadagnato o tre punti persi? La versione rugbistica del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto diventerà con ogni probabilità un autentico tormentone nei prossimi giorni per i giocatori del Conad, indecisi se festeggiare il primo punto strappato con i denti sul campo del Mogliano o recriminare per un vittoria sfiorata ma alla fine sfuggita. A pochi chilometri dalla splendida laguna veneziana i Diavoli confermano tutti i segnali positivi emersi nella prima giornata contro il blasonato Rovigo, costringendo i veneti a una partita da pari a pari. L’inizio della partita vede gli emiliani predominare nelle fasi statiche, poi Mogliano ritrova la barra del match e al 19° Van Buren, barbuta seconda linea proveniente dal Sudafrica, va in meta grazie a una maul. Lo schema touche più maul sembra essere la soluzione preferita da entrambe le compagini, e al 27° è la mischia reggiana a portare in meta Bergonzini. I pack emergono alternativamente: al 36° Mogliano va in meta con Filippucci, ma al 40° è di nuovo Bergonzini a segnare al termine di una complicata ma ottima azione di tutto il Conad. “Questa è una grande squadra, quando arriveranno pioggia e fango saranno guai per tutte le avversarie di Reggio”, dichiara ottimisticamente il trevigiano Franco Properzi, ex pilone azzurro. L’inizio del secondo tempo vede però i reggiani in difficoltà: Mogliano segna 14 punti portandosi sul 29 a 20. I veneti riescono a tenere sotto controllo il punteggio fino al 74°, quando Mannato trova la meta del 29 a 27 dopo un’altra notevole azione corale di tutta la squadra. L’ultimo tentativo reggiano di sorpasso non produce nessun effetto, uno stanchissimo Momigliano vince di due punti. Il titolo di uomo-partita se lo aggiudica un giocatore di casa ma sarebbe stato meritato da Cazenave, immenso nella gestione della palla ovale e spesso attivo anche in difesa. D’altronde alla vigilia l’allenatore dei Conad Roberto Manghi aveva detto: “La prima trasferta arriva su un campo non facile, nella partita contro Rovigo abbiamo fatto alcuni errori ma in settimana abbiamo lavorato duramente con il gruppo per farci trovare pronti alla sfida in terra veneta”. Dal canto suo l’allenatore moglianese Darrel Eigner così si era espresso: “Troveremo un Rugby Reggio molto confidente, è una squadra solida e aggressiva. Dovremo essere più precisi nelle giocate e credere maggiormente nelle nostre strutture: voglio vedere una grande reazione da parte dei ragazzi”. Il Mogliano infatti era partito favorito per la sfida di ieri nonostante la sconfitta a sorpresa nella prima giornata di campionato contro San Donà. Eppure Reggio ha retto bene schierando una formazione che ha visto Torlai al posto di Daupi al centro della trequarti, Mannato che è subentrato a Zaayman come numero otto e la conferma della mediana francese composta da Daguin e Cazenave. Reggio per il momento si può godere il primato di spettatori: i duemila accorsi per la sfida interna contro Rovigo hanno superato persino il numero di presenti a Padova, oltre a quelli in tribuna a Roma, Calvisano e San Donà.timthumb

  •   
  •  
  •  
  •