Il Roland Garros e la pioggia…

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa Segui
roland-garros
L’edizione in corso degli Internazionali di Francia del Tennis che si sta svolgendo sui campi del Roland Garros certamente passerà alla storia come uno dei tornei più bagnati di sempre: mai, infatti, era successo che per due giorni di seguito non si disputassero incontri.
La pioggia sta disturbando notevolmente gli incontri e negli ultimi giorni i campi in terra rossa erano al limite della praticabilità con la pallina in evidente difficoltà nei rimbalzi a terra.
In alcuni momenti si è visto uno spettacolo inusuale per il tennis: giocatori in precario equilibrio sulla terra resa scivolosa dall’acqua piovana; traiettorie non certamente volute dai tennisti, colpi o amplificati nella potenza dalla scivolosità del terreno oppure decisamente smorzati dal rimbalzo farlocco della pallina che ogni qualvolta toccava terra, inzuppandosi di acqua, diventava sempre più pesante e quindi ben oltre il peso consentito dal regolamento.
Ovviamente i tennisti più tecnici sono risultati quelli più penalizzati e qualche sorpresa si è vista sia in campo maschile che in campo femminile.
Nella giornata odierna si è vista la solita grande, straordinaria Serena Williams che ha lasciato solo due games alla ucraina Elina Svitolina, sconfitta in appena un’ora di gioco (62 minuti per la precisione) con lo schiacciante risultato di 6/1-6/1 che non lascia alcun adito a commenti di sorta.
Troppo forte l’americana al cospetto di una ucraina apparsa intimorita al cospetto di cotanta prestanza atletica e fisica di Serena che, ovviamente, rimane la candidata numero 1 per la vittoria finale.
Se Serena sembra imbattibile e sempre al massimo della forma, la sorella Venus Williams sembra oramai avviata sul viale del tramonto di una grandissima carriera.
La sorella maggiore delle Williams pare non reggere più il ritmo delle avversarie, a volte anche modeste, e sta inanellando una serie di sconfitte che ne stanno minando l’immagine costruita negli anni scorsi a suon di vittorie in tutti i maggiori tornei mondiali, grandi slam compresi.
Oggi è stata sconfitta dalla validissima svizzera Timea Bacsinszky in due set (6/2 – 6/4) apparsa molto più dell’americana a suo agio sul campo allentato dalla pioggia.
Le lunghe leve di Venus, infatti, hanno fatto fatica a contrastare gli scambi da fondo campo imposti dalla svizzera e ogni qualvolta lo scambio si spostava sotto rete, Venus arrivava sempre in maniera stanca e appesantita e venendo, quindi, tradita dalla scarsa lucidità.
Venus è uscita dal campo affranta ricevendo gli applausi del pubblico francese che l’avevano vista esordire giovanissima nel lontano 1998 quando l’americana aveva appena compiuto 18 anni e aveva raggiunto perla prima volta i quarti di finale di un torneo di grande slam.
Delusione oggi anche per l’altra americana Madison Keys, finalista pochi giorni fa a Roma, sconfitta dall’olandese Kiki Bacsinszky  per 7/6 6/3.
Grande risultato per la Bertens che, raggiungendo per la prima volta i quarti di finale di un torneo di grande slam, al termine della competizione si assesterà intorno alle prime 30: un bel balzo se si considera che aveva iniziato il torneo parigino partendo dalla posizione n. 58 del ranking mondiale.
Nei quarti, quindi, Serena Williams-Yulia Putintseva e BacsinszkyBertens mentre ancora per gli ottavi si attendono i risultati degli incontri fra StosurPironkova e MuguruzaRogers.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tabellone Atp Queen's: Berrettini numero 1 del seeding, al via anche altri quattro azzurri