Tennis, Coppa Davis: il cielo è bianco-azzurro

Pubblicato il autore: matteo platania Segui

A Zagabria l’ avvincente scontro sul sintetico che ha visto protagonisti Del Potro e Delbonis.
Del-Potro-Davis-2016

L’ Argentina ricorderà a lungo questa serata e questa serata verrà a lungo ricordata dalla storia dello sport. Gli argentini riescono a vincere la tanto agognata coppa, dopo essere andati in finale per ben 5 volte. Tra gli spalti, ad assistere allo storico match presente Diego Armando Maradona, che ha esultato come se la sua (ex) Argentina avesse vinto il campionato del mondo.
I padroni di casa, i Croati, erano in vantaggio per 2-1. La tifoseria argentina inizia a gridare e a fare il tifo, aiutando così i propri beniamini nella rimonta. Delpo, soprannome di Juan Martín Del Potro, dopo aver rischiato d perdere contro Cilic, il quale si era portato in vantaggio per 2-0, è riuscito, anche grazie al caloroso appoggio dei sostenitori, la china e, dopo 5 lunghe ore di battaglia, è riuscito a distruggere le barriere dell’ avversario. Delpo ha lasciato infine il colpito di grazia a Delbonis, il quale non ha deluso contro Karlovic.
Nel match contro il croato Cilic, si possono notare le grandi qualità e prestazioni di Del Potro. A differenza dell’ avversario croato, il quale ha avuto una partenza sprint, portandosi in vantaggio per 4-1, ma nel sesto game l’ argentino inizia a tirar fuori gli artigli, riuscendo a togliere il servizio dalla disponibilità dell’ avversario. Dopo il cambio servizio, l’ argentino è riuscito a recuperare l’ avversario: sul 4-4, il primo set è stato vinto per 7-4 dal croato, il quale ha continuato a spingere anche nella ripresa, aggiudicandosi la battuta e vincendo anche il secondo set per 6-2.
Del Potro, con l’ acqua alla gola, stringe i denti e non molla riuscendo nell’ inaspettato: vince il terzo e il quarto set.
Il quinto e ultimo set vede tensione sia da una parte sia dall’ altra, a tal punto da far prendere provvedimenti al direttore di gara, che si è ritrovato ad ammonire Del Potro, per le sue continue non approvazioni nei confronti delle decisioni dei giudici.
A portarsi a casa il quinto set è proprio Del Potro per 6-3.
Tutto lo staff della Croazia inizia a entrare in tilt. L’ argentino Delbonis è riuscito a battere Karlovic, il quale ha commesso errori banali , doppi falli, e palline sparate fuori dal campo di gioco.
L’ argentino ha messo in scena un vero e proprio show, gradendo il proprio pubblico con giocate difficili, ma che hanno avuto effetto: è riuscito, infatti, a piazzare la pallina dove voleva e mettere in difficoltà, con pallonetti, il diretto avversario, il quale si è dovuto arrendere all’ enorme talento del contendente.
Delbonis è riuscito a vincere tutti e tre i set di fila: il primo per 6-3, il secondo per 6-4, infine, il terzo per 6-2. Di durata sicuramente assai ridotta questo match, durato 1 ora 40, rispetto a quello tra Cilic e Del Potro, durato 5 ore.
Del Potro è diventato un eroe per l’ Argentina. Anche altri avevano messo in evidenza il suo talento; queste le parole di Tsonga: “È durissima contro di lui, è più alto di me, si muove bene, è più costante di me ed ha una potenza almeno uguale alla mia. Per batterlo bisogna anticiparlo perché è come una macchina. Se non si fosse fatto male al polso, adesso sarebbe numero 2 o 3 mondiale.”

  •   
  •  
  •  
  •