Australian Open: Seppi una certezza. Nadal e Cilic in tre set. Shapovalov invece spreca tutto

Pubblicato il autore: Giacomo Corsetti Segui

Rafa Nadal batte Leonardo Mayer per 6-3 6-4 7-6 e vola al terzo turno degli Australian Open  2018 dove affronterà il bosniaco Dzuhmur. Fatica ancora meno Cilic che si sbarazza in scioltezza del portoghese Joao Sousa. Spreca tutto invece Shapovalov regalando la partita a uno Tsonga tutt’altro che irresistibile. Per il canadese una lezione che servirà. Francese invece che troverà uno tra Troicki o Kyrgios al terzo turno degli Australian Open. Seppi ormai a Melbourne è una certezza.

Seppi vs Nishioka 6-1 6-3 6-4

Una certezza ormai. Seppi non da scampo al giapponese Nishioka e si regala anche quest’anno il terzo turno agli Australian Open. Un Seppi concentratissimo che, contro un avversario non certo irresistibile ma potenzialmente insidioso, ha interpretato il match in maniera perfetta con 39 vincenti e il 83% di punti vinti con la primi di servizio. Un Seppi d’autore che contro Karlovic – vittorioso nella maratona contro Sugita per 12-10 al quinto – vede gli ottavi di finale degli Australian Open.

Nadal vs Leo Mayer 6-3 6-4 7-6

Convincente prestazione del n. 1 del mondo contro l’argentino Leonardo Mayer in un partita che poteva racchiudere più di una insidia come testimoniava il precedente degli ultimi Us Open. Sotto il sole di Melbourne, lo spagnolo ha condotto con tranquillità il match per due set – chiusi con grande autorità per 6-3 6-4 – prima di dare qualche segnale di titubanza nel terzo, con Rafa che concedeva il contro-break a Mayer proprio sul più bello. L’argentino – bravo a non mollare mai – che poi ha trascinato la contesa al tie-break, chiuso da Rafa per sette punti a quattro. Nadal che continua a dimostrare un’ottima condizione fisica a testimonianza che il problema al ginocchio sembra superato. Terzo turno contro il bosniaco – e giustiziere di Lorenzi al primo turno – Dzuhmur.

Cilic vs Joao Sousa 6-1 7-6 6-2

Cilic asfalta il portoghese Sousa in tre set e continua la sua marcia di avvicinamento al quarto di finale contro Nadal. Un Cilic in grande spolvero che non ha lasciato possibilità all’avversario di rendersi pericoloso. Troppo leggero il portoghese per impensierire un Cilic molto convinto e in condizione fisica pregevole. 20 ace, 95% di punti vinti con la seconda e 93% con la prima testimoniano lo strapotere totale del croato. Il n. 6 del seeding che adesso se la vedrà nel terzo turno degli Australian Open contro l’americano Harrison.

Tsonga vs Shapovalov 3-6 6-3 1-6 7-6 7-5

Era uno dei match più attesi in questa giornata di Australian Open e, infatti, non ha tradito le attese. Ricordate il match di Zverev contro Nadal di Miami 2016 quando il tedesco fallì un match point clamoroso a rete? Ecco, questa partita rischia di diventare per Shapovalov ciò che fu quel match per Zverev. Una grande possibilità di crescita. Shapovalov che spreca tutto contro Tsonga in un match sostanzialmente dominato e che ha messo in evidenza la difficoltà attuale del francese ma sopratutto la mancanza di esperienza del canadese. E’ infatti solo con quel fattore che oggi Tsonga è riuscito a regalarsi il terzo turno degli Australian Open contro uno tra Troicki o Kyrgios. Shapovalov che prima sale due volte di un set poi si concede la possibilità di servire per il match sul 5-2 del quinto parziale. Da lì in poi il black out che permette a Tsonga di chiudere la contesa sul 7-5. Una beffa che servirà. Eccome se servirà.

Australian Open maschili. Le altre partite.

Un Edmund in grande forma estromette dagli Australian Open Istomin in tre set e si regala Basilashvili in un match più che abbordabile. Carreno Busta invece approfitta del ritiro di Simon per raggiungere Muller al terzo turno. Lussemburghese che regola al quinto per 6-2 Jaziri. Troppo acerbo su questa superficie il giovane Casper Ruud per sorprendere Schwartzman. L’argentino chiude in tre set semplici. Sorpresa Harrison contro la testa di serie n. 31 Cuevas.

  •   
  •  
  •  
  •