Australian Open: Sharapova batte Maria. Ok Halep, Pliskova e Muguruza

Pubblicato il autore: Giacomo Corsetti Segui


Sharapova torna sul luogo del “delitto” e ritrova la vittoria all’Australian Open. La russa si è imposta per due set a zero contro la tedesca Maria. Vince anche la n. 1 del mondo Halep contro la 17enne Aiava. Nessun problema per Pliskova e Muguruza. Rischia Radwanska contro Kystina Pliskova mentre cade Kvitova contro Petkovic al termine di una maratona terminata 10-8 al terzo. Kerber continua il suo momento magico asfaltando la connazionale Friesdam.

Sharapova vs Maria 6-1 6-4

Maria batte Maria. La Sharapova torna sul luogo del “caso Meldonium” dopo due anni e passa facilmente contro la tedesca Maria. Un match che ha riproposto al pubblico dell’Australian Open una versione di Masha più che ottima, sia fisicamente che mentalmente. Una prestazione che può mettere ulteriormente incertezza a un tabellone che – senza Serena Williams – è più che mai aperto a tutte. Convincente e solida la russa che è scesa in campo con la determinazione di chi non ha intenzione di regalare niente ad una Maria troppo leggera per reggere il ritmo imposto dalla Sharapova. Masha che può guardare al secondo turno con estrema fiducia. Ad attenderla ci sarà la lettone Sevastova – nel remake degli ottavi degli ultimi Us Open – per una sfida che ha tutti i connotati per essere una delle più interessanti di giovedì prossimo.

Halep vs Aiava 7-6 6-1

La n. 1 del mondo Simona Halep inizia in maniera convincente la sua avventura in questi Australian Open. La caccia al primo Slam della carriera parte con la vittoria sulla giovane stellina di casa Aiava – classe 2000 – che ha messo in mostra un ottimo tennis costringendo al tie-break nel primo set la Halep. Tie-break vinto dalla rumena e che ha spento l’esuberanza di questa ragazzina di cui si sentirà molto parlare in futuro. Da lì in poi infatti la strada è stata in discesa per la Halep, con la Aiava che ha ceduto il secondo parziale per 6-1. Halep che sarà attesa da un secondo turno di fuoco contro Bouchard.

Kerber vs Friesdam 6-0 6-4

Attenzione alla Kerber. Angelique non si ferma e dopo aver vinto il torneo di Sydney, asfalta la connazionale Friesdam prendendosi un secondo turno contro la Vekic molto interessante. Una Kerber che sembra tornata quella del 2016 e che sta dimostrando un ritrovato strapotere tecnico-fisico che potrebbe portarla molto lontano in uno Australian già vinto due anni fa. Niente ha potuto la generosa Friesdam che, dopo aver subito un bagel nel set iniziale, ha cercare di arginare la Kerber nel secondo set, chiuso per 6-4 dall’ex numero uno del mondo.

Pliskova – Cepede 6-3 6-4

A Parigi la Pliskova fu portata al terzo set dalla paraguaiana. Qui all’Australian Open bastano due set. E’ stato un esordio buono ma non eccezionale quello di Karolina Pliskova contro Cepede. Un match che ha evidenziato quando ancora debba salire il livello della ceca per poter sperare di portare a casa il primo Slam della carriera. Molti errori non forzati e la sensazione che la n. 6 del mondo sia ancora un pò macchinosa nei movimenti. Al secondo turno ci sarà un match sulla carta facile contro Haddad Maia, buono per provare a sciogliersi e trovare i colpi giusti con maggior precisione e regolarità. Senza quelli sennò sarà dura.

Australian Open femminile. Gli altri risultati della giornata (16 gennaio ’18)

Ottimo esordio all’Australian Open di Muguruza contro la francese Ponchet, liquidata per 6-4 6-3. Buona anche la prima di Konta con la Brengle. Spettacolo e un’infinità di errori hanno caratterizzato invece la sfida tra Kvitova e Petkovic che ha visto trionfare quest’ultima per 10-8 al terzo set. Bella vittoria di Safarova che supera l’insidia Tomljanovic in due set. Bene anche Caroline Garcia contro Witthoeft. Francese che nel secondo turno di questi Australian Open dovrà affronterà la stellina Vondrousova, che ha sconfitto la giapponese Nara. Rimonta Radwanska su Krystina Pliskova mentre si fa sorprendere Mladenovic da un’avversaria tutt’altro che irresistibile come Bogdan.

  •   
  •  
  •  
  •