Coppa Davis: Pouille-Seppi apre Italia-Francia, poi Fognini-Chardy

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Italia-Francia, a Genova si gioca per la Coppa Davis. Sarà il match tra Andreas Seppi e Lucas Pouille ad aprire il confronto dei quarti di finale di Coppa Davis a Genova tra azzurri e transalpini. Seppi parte sfavorito, essendo ben 50 posizioni dietro Pouille. Il tennista francese non viene però da un gran momento di forma, essendo uscito subito a Indian Wells e non avendo partecipato a Miami. Seppi  a sua volta è fermo da un mese e mezzo. L’altoatesino non gioca un match dallo scorso 17 febbraio, quando è stato sconfitto a Rotterdam da Roger Federer. Non ci sono precedenti tra i due giocatori, quindi la sfida sarà inedita. Una partita che potrà già indirizzare il confronto tra Italia e Francia. Dopo Pouille-Seppi sarà la volta di Fognini-Chardy.

Il tennista ligure è il protagonista atteso di Italia-Francia, visto che si gioca nella sua terra natia. I precedenti vedono in vantaggio Fognini per 4-1, anche se l’ultimo confronto diretto è stato vinto dal tennista francese. Fognini e Chardy hanno giocato contro per l’ultima volta neanche un mese fa a Indian Wells. Match vinto da Chardy in tre set. Le condizioni saranno totalmente diverse, visto che dal cemento americano si passerà alla terra rossa italiana. Fognini dovrà cercare di far pesare le 60 posizioni di differenza nel ranking mondiale, anche se in Coppa Davis spesso le classifiche hanno un peso relativo.

Italia-Francia, gli azzurri cercano l’impresa in Coppa Davis

Eliminare i campioni in carica sarebbe un’impresa che darebbe a tutto il tennis italiano. Una missione non impossibile per l‘Italia di Corrado Barazzutti, considerando che la Francia si presenta senza i suoi migliori giocatori. Pouille è un ottimo tennista ma in Coppa Davis non ha ottenuto tanti grandi risultati e Chardy è indietro in classifica si rispetto a Fognini che a Seppi. Il capitano transalpino, Yannick Noah, non si sbilancia alla vigilia del match:”È sempre difficile fare un pronostico sugli incontri, dal momento che vengono scommessi tanti soldi. È così che deve essere, eccitante come vedere un film senza conoscere lo scenario. La sola cosa che rimane da fare è scoprire quale sarà l’ultimo match. Io credo nella mia squadra, abbiamo una grande esperienza, e di fronte a noi ci sarà una squadra molto motivata, con nulla da perdere, in un’atmosfera che credo sarà molto speciale e che renderà il match equilibrato“.

Noah vede nel doppio il possibile punto decisivo:”Il doppio è sempre molto importante. Vedremo se sarà decisivo, ma sicuramente sarà molto importante“. La Francia vuole superare l’ostacolo Italia per poi puntare ad un clamoroso bis in Coppa Davis. Barazzutti invece sogna lo sgambetto per riportare l’Italia nell’elite del tennis mondiale a squadre. Gli azzurri della racchetta non giocano una finale di Coppa Davis da 20 anni. Per non parlare della prima e ultima insalatiera alzata al cielo ben 42 anni fa. Italia-Francia è sempre una sfida particolare in ogni sport, anche nel tennis dove gli Internazionali d’Italia sono da sempre in competizione con il Roland Garros. Fognini e compagni ci proveranno da domani a Genova, sperando che domenica potremo canticchiare:”E i francesi che si incazzano”, del grandissimo Paolo Conte. Forza azzurri.

  •   
  •  
  •  
  •