Fed Cup, Italia-Belgio: si parte con Paolini-Mertens, poi Errani-Van Uytvanck

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Photo by Clive Brunskill/Getty Images selezionata da SuperNews

Italia-Belgio, l’ora della verità per le azzurre. Da oggi si fa sul serio, l’Italia femminile del tennis si gioca la possibilità di rientrare nel World Group di Fed Cup. Si giocherà sulla terra rossa di Genova. Sperando che l’impianto ligure porti più fortuna rispetto alla squadra di Coppa Davis. Il capitano Tathiana Garbin ha scelto Jasmine Paolini e Sara Errani per i primi due singolari. Sarà proprio la Paolini ad aprire il confronto con le belghe. La giovane azzurra, numero 145 del mondo, dovrà giocare contro Elise Mertens, numero 17 Wta. Un incontro inedito e che vede la Paolini partire sfavorita. Jasmine è reduce dal torneo di Bogotà, dov’è stata eliminata al secondo turno. La Mertens vive un ottimo momento di forma, confermato dalla vittoria nel torneo di Lugano. Sempre su terra rossa. Una specie di missione impossibile per la Paolini, che però potrà contare sull’appoggio del pubblico di casa. Il match è in programma alle 13:30.

Italia-Belgio, Errani-Van Uytvanck il secondo singolare. Dopo il match Paolini-Mertens sarà la volta dell’incontro tra Sara Errani e Alison Van Uytvanck. Anche questa è una sfida inedita. Anche la Errani dovrà giocare contro classifica, visto che l’azzurra è numero 91 del mondo, mentre la belga è al 50esimo posto. Sara ha giocato l’ultimo torneo negli Stati Uniti, sulla terra verde di Charleston. L’azzurra è stata eliminata al secondo turno dall’americana Pera. La Van Uytvanck invece è stata protagonista a Lugano, dove ha perso nettamente contro Camila Giorgi. Peccato che la tennista marchigiana sia ancora una volta assente in Fed Cup. Un vero peccato.

Italia-Belgio, obiettivo pareggio dopo la prima giornata

Italia-Belgio, missione impossibile per le azzurre? Si comincia oggi alle 13:30. Tathiana Garbin spera di replicare contro il Belgio il mezzo miracolo fatto con la Spagna a febbraio. Non sarà facile, perché le azzurre giocheranno sempre contro classifica. In Fed Cup, così come in Coppa Davis, le classifiche possono essere però un fattore trascurabile. Per le sorti del confronto sarebbe fondamentale chiudere in pareggio la prima giornata. La Paolini giocherà con le mente sgombra contro la Mertens. Se la giovane azzurra dovesse fallire, allora ecco che la pressione sarebbe tutta sulla piccola grande Sara Errani. Domenica poi ci saranno gli altri due singolari e, se necessario, il doppio.

Come detto è un vero peccato che Camila Giorgi sia ancora una volta assente dalla squadra azzurra di Fed Cup. Una diatriba, Giorgi-FIT, che va avanti da oltre due anni e che non vede purtroppo via di soluzione. Con la Giorgi in campo le sorti di Italia-Belgio sarebbero decisamente più equilibrate. Chissà che una vittoria a Genova, con il conseguente ritorno in World Group, faccia tornare il sereno tra la federazione di Angelo Binaghi e la tennista marchigiana. Soprattutto con papà Sergio.

  •   
  •  
  •  
  •