Short track: Torino, una Fontana di successi

Pubblicato il autore: Jacopo Chiodo Segui

arianna-fontana_980x571

Si è chiuso il cerchio. Arianna Fontana conquista il suo 18° oro in una rassegna continentale. E’ tornata a vincere e a gioire, dopo due anni in cui, quasi mai ne ha avuto la possibilità. Ancora sul gradino più alto del podio, ancora qui, al Palavela di Torino, dove nel 2006 a quindici anni vinse la prima delle sue cinque medaglie olimpiche. Una vittoria sofferta, quasi insperata, arrivata dopo essersi qualificata alle finali di tutte e quattro le competizioni (500, 1000, 1500 e 3000).

Era del 2009, l’ultimo trionfo a Torino della Fontana, una città, un pubblico, che però non ha mai smesso di sostenerla: “È un’emozione indescrivibile: ho avuto una grande spinta dal pubblico, che ci credeva più loro di me. Non potevo deluderliQuesto titolo mi aiuta molto dal punto di vista mentale: non avevo la testa giusta per le gare negli ultimi tempi. Mi darà grande carica”.

potrebbe interessarti ancheMondiali pallanuoto, Italia-Giappone 9-7: gli azzurri soffrono ma alla fine vincono contro un avversario mai domo

Un successo maturato al termine di una gara difficile, che l’angelo biondo ha condotto alla perfezione, aiutata anche dalla fortuna. Nonostante prima dei 3000 conclusivi, i punti che separavano l’atleta italiana dalla russa Prosvirnova erano ben 15, Arianna, consapevole che una vittoria non avrebbe garantito il successo del titolo, non ha mollato, ci ha provato ed è stata premiata: “Sapevo che non sarebbe stato facile, ce lo siamo giocato fino all’ultimo io e Sofia ProsvirnovaFortunatamente sono riuscita a mettere davanti la mia gambetta nella Superfinale”.

La Russia si suicida: la Konstantivova, seconda, precede di 17/1000 la connazionale Prosvirnova. Tra il secondo e il terzo posto ballano sette punti, quelli che fanno la differenza. Arianna Fontana è campionessa.

E pensare che, la rincorsa all’oro era iniziata tutt’altro che bene, con quella squalifica nei 1000 dopo che Arianna Fontana, ad un passo dalla fine perde l’equilibrio e fa cadere la Van Kerkoff che la trascina con sè in balaustra. Squalifica, quinto posto relativo e situazione compromessa, unica nota negativa in una grande giornata: “Non è andata come volevo, c’è stata una spinta e mi sono ritrovata in una posizione che mi ha dato la squalifica. Fa parte del gioco e va accettato”.

potrebbe interessarti ancheNuoto, Mondiali in Sud Corea.Batki e Paltrinieri qualificati per le Olimpiadi del prossimo anno.

Come se non bastasse, la valtellinese chiude anche la staffetta, lo fa prima di tutte le altre squadre, superando prima l’Olanda e poi l’Ungheria. Primo posto e medaglia d’oro per il quartetto azzurro Peretti-Valcepina-Maffei-Fontana, capaci di confermare il trend positivo in questa disciplina, anche se, il riconoscimento più importante, il più prestigioso, mancava da parecchio tempo come racconta al termine la stessa Fontana: “Sono contentissima anche per la staffetta: era da 11 anni che non salivamo sul gradino più alto di un Europeo. Eravamo cariche essendo in casa e lo volevamo fortemente“.

La ventiseienne di Sondrio, in chiusura oltre ai consueti ringraziamenti, vuole fare una promessa e fissa un obbiettivo: “Dedico la vittoria a tutti i miei compaesani, che sono venuti sin qui per vedermi. E poi alle mie compagne di squadra, che mi hanno dato una mano nella Superfinale e a mio marito, che non era qui presente ma mi ha seguito in streaming. Sono contenta e carica, ho un obbiettivo l’Olimpiade di Pyeongchang 2018 , ancora è presto ci sono di mezzo tante altre gare, che sfrutterò per arrivarci prontissima“.

 

notizie sul temaMondiali pallanuoto, Italia-Brasile 14-5: esordio in scioltezza per il settebello azzurroWimbledon: Djokovic piega Federer al tiebreak e vince il torneoF1 GP Silverstone: Trionfa Hamilton, Vettel si scontra con Verstappen
  •   
  •  
  •  
  •