Spettacolo tra sole e pioggia, per la gara automobilistica di Belgrado, Serbia

Pubblicato il autore: Silva

Nel Weekend appena concluso, 17/18, giugno, 2017, a Belgrado, Capitale della Repubblica di Serbia, sul circuito cittadino, abbiamo assistito ad una gara molto intensa, con troppi incidenti ed intervento delle ambulanze anche per il pubblico, ma andiamo a capire meglio cosa sia successo nel dettaglio delle due giornate.

Sabato 17 giugno, mattinata a disposizione dei piloti per le Verifiche Tecnico-Sportive, con circa 70 piloti partenti suddivisi per classi.
Subito dopo le verifiche, intorno alle 12.00, si è iniziato con i test pre-gara a disposizione di tutti.
Durante i test, purtroppo, dobbiamo sottolineare dei lati negativi che andiamo ad analizzare:
facciamo presente che la gara si svolge in un circuito cittadino, attorno ad un parco con molti ristoranti molto adiacenti al manto stradale dove passano le auto a velocità da gara. Dopo poco tempo, i test sono dovuti essere sospesi per far intervenire i medici presenti sul posto e trasportare alcune persone del pubblico per dei malori, si suppone causati dagli sbalzi di temperatura, che nel giorno di sabato, si alternavano dai 26 ai 18 gradi, ma senza conseguenze gravi. Il rientro delle ambulanze ha dato l’ok per riprendere i test, ma ad un certo punto, un pilota a bordo di una Alfa 147 Super Production, in un semi rettifilo perde il controllo e va a schiantarsi contro delle fioriere a ridosso di un ristorante, così colpendo un cameriere ed un ospite del ristorante stesso, i due, sono stati portati portati immediatamente all’ospedale più vicino in codice giallo, mentre il pilota è stato soccorso sul posto, senza conseguenze gravi.
A questo punto, dopo il rientro di almeno una delle 2 ambulanze, organizzatori e polizia, si riuniscono per valutare se far proseguire i test o meno, rimanevano solo le piccole, ma molto interessanti e simpatiche Zastava/Fiat 750 a concludere la giornata riservata ad i test.

Domenica 18 giugno, la mattina riservata esclusivamente al Warm-Up ed alla Cerimonia di apertura della gara.
Durante il Warm-Up, inizia ad annuvolarsi, scendono le temperature, quindi la giornata va pian piano a rovinarsi.
Al Warm-Up, non partecipano tutti i piloti, certi preferiscono rinunciare per risparmiare le forze e le auto.
Intorno alle ore 12.20, con un certo ritardo sulla tabella di marcia, si concludono i giri a disposizione per i piloti ed inizia la cerimonia d’apertura.
Finalmente si parte, ma inizia a piovere, si torna ai Box, per cambiare le gomme e montare quelle da bagnato, altro ritardo. Partita la gara, ma dopo alcuni giri, forse a causa della pioggia, il primo incidente della giornata, senza bisogno dell’intervento dei medici, fortunatamente.
Durante la gara della Classe N, piccole Zastava Yugo, succede il fini mondo, un sacco di scontri, senza conseguenze gravi per nessuno, giudici di gara e commissari, non sanno più usare le bandiere, sono disperati, sospendono la gara, entra la Safety-Car, si calmano gli animi, uscita la Safety, si riparte, ma subito un altro contatto tra tre piloti, uno finisce per sbattere contro le barriere di cemento, non si fa nulla, a questo punto mancano solo pochi giri alla conclusione, quindi non fanno intervenire la Safety per far concludere la gara.
Arriviamo alla fine della giornata con le Zastava/Fiat 750, anche loro sotto una sottile pioggia, partono i 11 ed arrivano in 9.

Le classifiche per classi:
Divisione 1:
1° Franicevic Igor, 2° Ristic Djordje, 3° Dejan Lazarevic
Divisione 2: 1° Nastasljevic Dusan, 2° Lazarevic Jovan, 3° Davidovski Viktor
Divisione 3: 1° Radenkovic Vuk, 2° Filipovic Dragan, 3°Vojinovic Radmilo
Divisione 4: 1° Bozilovic Darko, 2° Milovanovic Mirko
Divisione 5: 1° Ekmedciz Nikola, 2° Radicev marin, 3° Radisavljevic Aleksandar
Divisione 6:  Pavlovic Marko,   2° Simic Milen, 3° Filipovic Bojan
Divisione 8: 1° Radojkovic Aleksa, 2° Marinkovic Aleksandar, 3° Nesic Stefan

Partenza delle Super Production

 
  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •