Wrestling WWE: la questione Lesnar, considerazioni su Samoa Joe

Pubblicato il autore: Marco Della Corte Segui
Wrestling WWE: la questione Lesnar, considerazioni su Samoa Joe

Wrestling WWE: la questione Lesnar, considerazioni su Samoa Joe

In questo nuovo articolo dedicato al wrestling WWE daremo alcuni informazioni riguardanti la questione Lesnar, esternando alcune considerazioni sul lavoro di Samoa Joe in quel di Stamford. Non mancherà poi una breve analisi su Smackdown Live e sullo spettacolo d’alto livello che il roster blu della federazione ci sta presentando negli ultimi tempi. Iniziando a parlare di Lesnar, The Next Big Thing è campione dalla scorsa edizione di Wrestlemania, quando vinse il titolo di Universal champion battendo il leggendario Goldberg, prendendosi la rivincita dopo la sconfitta subita nel 2004. Samoa Joe è invece senza ombra di dubbio una garanzia, non per niente stiamo parlando di un pluricampione mondiale della TNA. Tuttavia, il talentuoso wrestler samoano non sembra essere preso abbastanza in considerazione dalla World Wrestling Entertainment. Sarà davvero così?

Wrestling WWE: Brock Lesnar e il Triple Threat Match alla Royal Rumble

Come sappiamo, l’Universal champion Brock Lesnar dovrà difendere il titolo all’evento Royal Rumbe contro due mostri del ring del calibro di Kane (un nome, una leggenda) e Braun Strowman. Tuttavia, molti non sono entusiasti del lungo regno del wrestler proveniente da Minneapolis, a causa delle sue poche presenze sul quadrato e sulla sua (discutibile) decisione di essere un wrestler da ‘pay per view’. Brock e Pul Heyman si rivelano essere un duo vincente durante gli interventi sul ring, ma la vera pecca del campione universale è probabilmente il fatto di non essere un grande parlatore al microfono, stesso ‘handicap’ di cui soffrono anche il buon Glenn Jacobs e lo stesso Strowman.

potrebbe interessarti ancheWWE, Hell in a Cell: i pronostici

Ecco, volendo spendere qualche parola sull’illustre rivale di Lesnar, Kane, possiamo ben dire che nel corso degli anni il suo status sia andato sempre più a peggiorare all’interno della WWE, sfiorando talvolta la riduzione a jobber a favore del giovane talento di turno da lanciare. Davvero un peccato per una figura di rilievo come The Big Red Monster, che ha dato vita a feud leggendari in passato con il suo ‘fratello di ring’ Undertaker. Come ipotizza anche il portale Tuttowrestling.com, si è trovato il modo più ‘elegante’ per lasciare la cintura in mano a Lesnar ancora per un po’. La presenza di Kane altri non sarebbe che un modo per far perdere in maniera più ‘dignitosa’ Braun Strowman, senza una sconfitta diretta.

Samoa Joe: quale futuro per lui in WWE?

E’ vero, Samoa Joe riesce a portare avanti in maniera dignitosa qualunque feud che lo veda coinvolto. Lo stesso si è potuto dire nell’ultimo che ha visto protagonisti quest’ultimo ed il suo connazionale Roman Reigns. Il match per il titolo di campione intercontinentale, vinto da Reigns, ha avuto un risultato ben prevedibile, ma privo di colpi di scena memorabili. Non solo un maestro della tecnica, ma anche del microfono, Joe possiede una mic-skill eccezionale che dimostra ogni volta che parla sul ring. Come non menzionare le sue recenti minacce all’intero Shield con una cattiveria degna di nota? Tuttavia, nonostante sia passato un anno dalla sua promozione da NXT al roster principale, non abbiamo ancora avuto l’opportunità di vedere il samoano con alla vita una cintura di campione del mondo. C’è la paura che Vince McMahon possa considerare l’atleta in questione come un jobber di lusso. Ci auguriamo di no. Joe ha tutte le carte in regola per essere un main eventer ed il suo glorioso palmares lo dimostra appieno!

Smackdown? Il roster numero uno!

potrebbe interessarti ancheNuova rivoluzione in WWE: un ppv tutto al femminile

E’ innegabile come negli ultimi tempi Smackdown Live sia divenuto uno show più interessante e concreto rispetto a Monday Night Raw; sia a livello del combattuto che di storyline. Lo show blu anche ad inizio anno si dimostra essere la terra delle opportunità, in cui anche un jobber può dire la sua e sperare in una promozione se è ben meritata. Sicuramente, il feud più degno di nota ultimamente è quello tra AJ Styles e Kevin Owens. una rivalità iniziata lo scorso anno e che sembra non accenni a terminare. Daniel Bryan e Shane McMahon sono ai ferri corti e l’attuale status quo ha dato la possibilità di rilanciare un wrestler come Sami Zayn, che esce da un 2017 a dir poco deludente. Il tutto è ora culminato in un match controverso annunciato dal general manager Bryan: un handicap match ai danni del campione del mondo Aj Styles, che dovrà vedersela contro Owens e il suo nuovo alleato Zayn. Staremo a vedere come si svilupperà il tutto.

notizie sul temaLa WWE sbarca in Arabia Saudita! Oggi 27 Aprile la più grande Royal Rumble della storia! Molti titoli in palioWrestlemania 34: le rivalità di SmackDownWWE WrestleMania 34, il programma per l’8 Aprile a New Orleans
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: