Bekele vince la Corrida di San Geminiano

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

potrebbe interessarti ancheAtletica: Mantovani e Morlini vincono il Ripoli Trail

L’etiope Bekele è il vincitore della Corrida di San Geminiano, che si è corsa oggi 31 gennaio a Modena, data in cui si festeggia il patrono della città.
La Corrida di San Geminiano è una corsa internazionale su strada giunta quest’anno alla 44^ edizione, sulla distanza di 13,350 km, organizzata dalla Fratellanza 1874 Modena, una società di atletica fra le più importanti in Italia, che ha centinaia di tesserati e che svolge la propria attività in tutti i settori, dai giovanissimi, agli atleti master e passando per le categorie assolute in cui lo scorso anno ha disputato la Finale A Oro del Campionato di Società, piazzando al 3° posto la squadra maschile e al 6° quella femminile.
Quest’anno erano in gara alla Corrida di San Geminiano circa 700 atleti che hanno disputato la corsa competitiva, mentre i “non competitivi” erano circa 5000.
Il vincitore della gara maschile quest’anno è stato l’etiope Telahun Haile Bekele, giovanissimo (19 anni non ancora compiuti), ma che si era già segnalato come uno tra i più promettenti runners mondiali. Nel mese di gennaio 2018 in particolare aveva vinto in Italia il Cross Internazionale della Vallagarina a Villa Lagarina (TN) e 4 giorni dopo a Ostrava aveva corso i 3000 metri indoor in 7’45″34, dove si era piazzato al 3° posto dietro al burundiano Tiouali con 7’44″58 e al keniano Kigen con 7’44″77.
Bekele ha preso ben presto il largo della corsa e ha vinto con largo distacco, terminando la gara in 38’17”, alla media di 2’52” al km. Non è il record della corsa, che appartiene con l’attuale percorso al keniano David Omiti con 37’15” nel 2001, ma è il miglior tempo dal 2010 in poi. Nelle piazze d’onore 2 atleti del Ruanda, il primo dal nome impronunciabile, Pontien Ntawuyirushintege, staccato di 1’27”, seguito dal connazionale Primien Manirafasha a 1’32”.
Il primo atleta italiano al traguardo è stato il ventenne della società organizzatrice, Simone Colombini, nazionale di cross e dei 3000 siepi, che si è piazzato al 5° posto con il tempo di 40’37”. Fra gli italiani seguono il romagnolo Alberto Della Pasqua (Dinamo Sport), al 7° posto in 41’36”, che ha preceduto Alessandro Giacobazzi, altro atleta della Fratellanza 1874 Modena, pure atleta della nazionale e grande promessa della maratona italiana, che si è piazzato all’8° posto in 41’57”. Grande prestazione poi del giovane marocchino-bolognese Abdelhamid Ez Zahidy della Atletica Blizzard, che ha iniziato con l’atletica da circa 1 anno e che si sta rivelando grande promessa di tutte le distanze del mezzofondo, visto che spazia senza problemi dai 3000 metri su pista alla mezza maratona: Ez Zahidy si è piazzato al 9° posto in 42’00”, precedendo lo specialista di 800 e 1500 della Fratellanza 1874 Modena, Riccardo Tamassia, 10° in 42’29”. Nelle posizioni successive si sono piazzati Tommaso Manfredini (Mds Panariagroup), Filippo Rinaldi (Cus Parma), Rachid Benhamdane (Dinamo Sport), Emanuele Generali (Atl. Castenaso Celtic Druid), Mohamed Moro (Fratellanza 1874 Modena), Elia Generali (Atl. Castenaso Celtic Druid), Daniele Angelini (Atl. Bondeno) e Antonio Santi (Fratellanza 1874 Modena).
Più combattuta la gara femminile, dove ha prevalso la maratoneta azzurra Anna Incerti (Fiamme Azzurre), con il tempo di 45’27”, che ha rimontato nella seconda parte della gara la keniana Ivyne Jeruto Lagat, che al traguardo ha accusato un distacco di 27 secondi. Al 3° posto un’altra atleta della Fratellanza e del paese di Pavullo, come Simone Colombini e Alessandro Giacobazzi: si tratta di Francesca Bertoni, campionessa nazionale assoluta dei 3000 siepi che nel 2017 ha partecipato ai Campionati Mondiali di Londra e alle Universiadi. Oggi, al rientro dopo 4 mesi di stop per un infortunio, ha avuto un distacco di 1’56” dalla Incerti e di 1’29” dalla Lagat. 4° posto per la forlivese Anna Spagnoli (Edera Forlì) con il tempo di 47’32” e quindi a soli 9 secondi dalla Bertoni. Al 5° posto un’altra atleta del Ruanda, Clementine Mukandanga, in 48’03”, che ha preceduto Veronica Paterlini (Cus Parma) e Francesca Giacobazzi (Fratellanza 1874 Modena). Per la vincitrice Anna Incerti, un ritorno a Modena a distanza di 10 anni: nel 2008 realizzò il record femminile della corsa che resiste tuttora con il tempo di 42’28”.

potrebbe interessarti ancheAtletica: record mondiale fantastico anche nel decathlon con Kevin Mayer a 9126 punti

La foto della partenza è di Gian Carlo Chittolini

notizie sul temaAtletica, mezza maratona a Copenaghen: record europeo femminile di Sifan HassanAtletica: Kipchoge, fantastico record del mondo in maratona a BerlinoAtletica: 16 settembre maratona di Berlino con record ? C’è anche diretta streaming
  •   
  •  
  •  
  •