Finale Champions League: Bale come Di Livio?

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui


Per la finale Champions League, in casa Real Madrid tiene banco un solo dilemma: Zidane farà giocare Gareth Bale, di rientro da un infortunio, o confermerà dal primo minuto Mariano Isco, che sta vivendo la sua migliore stagione con la camiseta blanca? Il tecnico francese non ha voluto anticipare nulla sulla formazione iniziale, confermando che sceglierà gli undici da mandare in campo solo poco prima del match.
Ma se il Real dovesse portare a casa la coppa, il mago gallese potrebbe diventare il sesto calciatore a vincere la Champions nella propria città natale. Bale infatti è nato e cresciuto a Cardiff, sede della finale 2017, e in caso di vittoria della coppa dalle grandi orecchie potrebbe entrare a far parte di una cerchia molto ristretta. A questo club esclusivo appartengono:

potrebbe interessarti ancheDi Stefano (SkySport): “Non sarei sorpreso di vedere Donnarumma alla Juve”. Tifosi rossoneri imbufaliti sul web
  • Nicolas Anelka, nato a Parigi e vincitore della Champions con il Real nel 2000 allo Stade de France contro il Valencia;
  • Angelo Di Livio, nato a Roma, ha alzato la coppa dalle grandi orecchie con la Juventus nel 1996 all’Olimpico dopo aver battuto l’Ajax ai rigori;
  • Alex Stepney, nato a Mitcham, sobborgo di Londra, ha difeso i pali del Manchester United nel 1968 in occasione della finale vinta ai supplementari contro il Benfica a Wembley;
  • Miguel Muñoz ed Enrique Mateos, entrambi nati a Madrid, hanno contribuito alla vittoria per 2-0 del Real Madrid in finale contro la Fiorentina nel 1957 al Santiago Bernabeu.

Bale in questo caso diventerebbe il quarto calciatore a vincere la Champions nella propria città natale con addosso la maglia del Real Madrid, e dopo Anelka potrebbe diventare il secondo calciatore a farlo indossando la casacca di un club estero.

potrebbe interessarti ancheLe voci vogliono già Mertens in bilico tra Inter e Juventus

notizie sul temaNiente multa per Ronaldo, la società ‘perdona’ il portogheseTerza sosta per la serie A: la situazione dopo 12 giornateJuventus, ecco perchè non è mai esistito il ” Caso Ronaldo”
  •   
  •  
  •  
  •