Qualificazioni Mondiali 2018, Immobile stende Israele salvando l’Italia

Pubblicato il autore: Peppe Fiorino

Ciro Immobile segna il gol partita contro Israele

Immobile castiga la nazionale israeliana e avvicina l’Italia ai play-off per accedere alla fase finale del Mondiale che si terrà in Russia nel 2018. Gli azzurri consolidano il secondo posto nel girone dietro la Spagna (che passeggia 8-0 sul Liechtenstein), grazie anche al pareggio dell’Albania contro la Macedonia.
Gli uomini di Ventura risentono della brutta figura rimediata al Bernabeu contro le furie rosse e nel primo tempo non riescono ad esprimere un buon calcio e quasi rischiano di subire i contropiedi dei giocatori israeliani, anche se l’Italia era partita subito forte creando una nitida occasione da gol con Belotti che spreca da buona posizione calciando a lato. Buffon riscatta la prova negativa di Madrid con un paio di interventi che salvano la porta azzurra, mentre continua il momento no di Verratti, il centrocampista che insieme a De Rossi avrebbe dovuto imbastire la manovra della Nazionale di Ventura, risultato poi troppo lezioso e troppo impreciso. Il primo tempo si chiude con una grande occasione capitata sul destro di Insigne, ma il napoletano si fa ipnotizzare dal portiere avversario che gli chiude lo specchio della porta, anche per il giocatore partenopeo non una prova degna di quello che ha mostrato nel suo club. Le migliori cose si sono viste, come era successo in Spagna, sulla fascia destra, dove Candreva sembra essere il migliore dei suoi.
Dopo un minuto di recupero la partita si chiude sullo 0-0 con i fischi del pubblico di Reggio Emilia. Il secondo tempo si riapre senza cambi, ma poco dopo il milanista Conti, protagonista con un’ottima diagonale nel primo tempo, dovrà lasciare il posto al neoacquisto del Chelsea Zappacosta perchè non in perfette condizioni fisiche. Da questo momento in poi la partita cambia, il terzino voluto da Conte in Inghilterra è molto più propositivo e intraprendente, costringe gli avversari a non sbilanciarsi troppo da quella parte e si rende protagonista di ottime sovrapposizioni e grande appoggio al compagno Candreva. L’interista al 53′ con il destro effettua un cross perfetto sul secondo palo che trova pronto Ciro Immobile che, smarcatosi perfettamente, di testa mette alle spalle di Harush. L’attaccante della Lazio ancora si era visto poco, ma al momento opportuno ha dimostrato di sapersi trovare al posto giusto, anche se poi si farà ammonire per una evidente simulazione.
Da qui in poi saranno diverse le occasioni per gli azzurri che cercano di mettere al sicuro la partita, le migliori capitano a Belotti, ma l’attaccante granata sbatte su Harush che compie un miracolo su un suo colpo di testa, sempre su cross del solito Candreva. Da segnalare anche un intervento difensivo di Zappacosta che percorre quasi tutto il campo e riesce provvidenzialmente a fermare un contropiede pericoloso degli israeliani dopo che Astori era scivolato, salvando così il risultato. Ventura può respirare, anche se dagli spalti piovono fischi, soprattutto all’uscita dal campo di Verratti, di cui anche l’ex portiere della Nazionale Gianluca Pagliuca ha dei dubbi nel definirlo un top player, ma con questa vittoria manca un solo punto per avere la certezza del secondo posto.
Il CT azzurro ha parlato a fine partita di buona prova nel secondo tempo, sottolineando la poca incisività e creatività nella prima frazione, ma affermando che i ragazzi hanno comunque fatto una buona gara, creando diverse occasioni da gol; ha aggiunto che una volta visto il sorteggio aveva messo in conto che l’Italia per andare in Russia avrebbe dovuto fare i play-off. È il turno del migliore in campo di andare davanti ai microfoni, cioè Antonio Candreva, uno dei pochi ad aver svolto al meglio il proprio compito coronato dall’assist perfetto per l’1-0 di Immobile, che ha parlato del k.o. con la Spagna che ancora brucia, ma ha visto una buona reazione e una buona prestazione della squadra, continuando a parlare del grande impegno che lui e i suoi compagni ci stanno mettendo per arrivare in fondo e giocarsi i Mondiali.
Menzione particolare per Immobile, autore del gol che ha permesso all’Italia di superare Israele con uno stacco perfetto da attaccante di razza, e per Zappacosta, grande partita la sua insieme al suo compagno di fascia Candreva, dimostrando che forse c’è poco da ridere dei 30 milioni spesi dal Chelsea per averlo in rosa.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •