UEFA, aperta indagine sul PSG per aver raggirato il Fair play Finanziario

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui
UEFA indagine PSG Neymar Mbappé Fair play finanziario

UEFA indagine PSG Fair play finanziario

Come comunica il sito ufficiale della UEFA, l’organo di massima competenza europea, organizzatrice di Champions ed Europa League, avrebbe aperto un’indagine sui trasferimenti effettuati dal Paris Saint-Germain operati in questa sessione di mercato. I 222 milioni di clausola versati per acquistare Neymar dal Barcellona (300 milioni in realtà perché si includono anche sponsor e diritti di immagine del giocatore che sarà simbolo dei mondiali in Qatar previsti per il 2022) e i 180 milioni di euro che il PSG verserà nelle casse del Monaco la prossima estate (il 98 francese è stato infatti acquistato con la formula del prestito gratuito con obbligo di riscatto fissato a 180 mln) non sono passati inosservati alla UEFA.

LA NOTA UFFICIALE SUL SITO UEFALa Camera Investigativa dell’Organo di Controllo Finanziario per Club della UEFA ha aperto un’inchiesta formale sul Paris Saint-Germain nell’ambito del suo continuo monitoraggio dei club disciplinati dalle regole del Fair Play Finanziario (FFP). L’inchiesta sarà incentrata sulla conformità del pareggio di bilancio, in particolare dopo i recenti trasferimenti della finestra di mercato estiva. Nei prossimi mesi la Camera Investigativa dell’Organo di Controllo Finanziario per Club della UEFA si incontrerà regolarmente per valutare attentamente tutta la documentazione relativa a questo caso. La UEFA ritiene il Fair Play Finanziario sia un sistema fondamentale per assicurare la sostenibilità finanziaria del calcio europeo. La UEFA non rilascerà ulteriori commenti su questa vicenda mentre sarà in corso l’inchiesta. 
Questo è quanto riporta la UEFA.

COSA RISCHIA IL PSG? – Difficile che ci possa essere un’esclusione dalle coppe. Probabilmente, se l’indagine porterà a determinati risultati, il PSG può rischiare una multa, il blocco o la cancellazione dei premi UEFA o il blocco della finestra di mercato (come successo a Barcellona, Atletico Madrid e Real Madrid). In ultimo potrebbe avere limitazioni  nel numero di giocatori che la società potrà schierare nelle competizioni continentali. Insomma, soluzioni dure ma non drastiche. Certo è che lo sceicco Nasser Ghanim Al-Khelaifi titolare del Paris Saint-Germain ha mostrato al mondo come raggirare il Financial Fair Play.

  •   
  •  
  •  
  •