Arsene Wenger lascia l’Arsenal dopo 22 anni. Com’era il calcio europeo 22 anni fa?

Pubblicato il autore: Alessio Liburdi Segui

Domani Arsene Wenger dopo 22 anni siederà per l’ultima volta sulla panchina dell’Arsenal. Era infatti il 22 settembre 1996 quando l’Arsenal ufficializzò l’ingaggio del tecnico proveniente dal Nagoya Grampus, squadra giapponese che Arsene Wenger allenò per 18 mesi dopo i 7 anni (e due trofei) alla guida del Monaco.
Negli ultimi tempi gran parte della tifoseria ha mostrato insofferenza verso il manager francese che però ha dalla sua anche tante pagine gloriose del club inglese: intanto è per distacco il tecnico dell’Arsenal più longevo e vincente di tutti i tempi; da solo infatti ha messo in bacheca 17 dei 46 trofei vinti dalla squadra di Londra. Inoltre è uno dei due allenatori non britannici (l’altro è Carlo Ancelotti) ad aver centrato il double, vale a dire la vittoria del Campionato e della Coppa d’Inghilterra nella medesima stagione (riuscendoci ben due volte) e ad aver vinto più Coppe d’Inghilterra (ben 7). E ancora, è l’unico allenatore nella storia del campionato inglese ad aver terminato il torneo senza perdere neanche una partita. Il buon Arsene paga però anche dati statistici non confortanti, tra cui quello di essere l’unico tecnico ad aver perso almeno una volta le finali delle tre maggiori competizioni UEFA per club: Coppa delle Coppe (stagione 1991-92 alla guida del Monaco), Coppa UEFA (con l’Arsenal nella stagione 1999-2000) e Champions League (sempre con l’Arsenal nell’anno 2005-06). Come detto, è stato sempre un tecnico che ha fatto discutere, nel bene e nel male. C’è chi gli rimprovera di aver vinto poco in barba agli investimenti e ai campioni portati in squadra, c’è chi gli riconosce il giusto merito per le vittorie che comunque non sono mancate. Ma in questo articolo vogliamo dare risalto alla longevità di Arsene Wenger: 22 anni sono molti in una società che cambia a ritmi forsennati, ancor di più nel calcio. E allora nel prosieguo dell’articolo andremo a scoprire quale “calcio” si trovava di fronte Arsene Wenger alla sua prima stagione all’Arsenal: andiamo a scoprire chi erano i detentori delle competizioni UEFA e dei titoli nazionali dei maggiori Paesi europei.

-CHAMPIONS LEAGUE- 1995/96: campione Juventus. Allo Stadio Olimpico di Roma, la Juventus supera in finale l’Ajax ai calci di rigore. Decisivi per gli olandesi gli errori dal dischetto di Davids e Silooy.

-COPPA UEFA- 1995/96: campione Bayern Monaco. La squadra allenata da Franz Beckenbauer (subentrato a Otto Rehhagel) vince la prima, ed unica finora, Coppa Uefa: nella doppia finale battuto il Bordeaux 2 a 0 a Monaco e 1 a 3 in Francia.

potrebbe interessarti anchePremier League, si parte! Sarri e Mou a caccia del recordman Guardiola

-COPPA DELLE COPPE- 1995/96: campione Paris Saint Germain. La squadra ora in mano agli sceicchi, in quegli anni era alla ricerca di una dimensione europea ancora latitante. A questo contribuì la vittoria del trofeo ottenuta battendo per 1 a 0 il Rapid Vienna grazie ad un gol di Bruno N’Gotty. Per i parigini è il primo (ed unico finora) titolo europeo.

-INGHILTERRA-
Premier League 1995/96: campione Manchester United. 
Lo United di Sir Alex Ferguson detronizza il Blackburn di Alan Shearer (capocannoniere del campionato) riuscendo a spuntarla sul Newcastle guidato da Kevin Keegan. A Manchester, sponda Reds, doppi festeggiamenti vista la retrocessione degli odiati cugini del City, terzultimi alla fine del torneo.
FA CUP 1995/96: campione Manchester United. Double realizzato per la truppa di Ferguson. La finale contro il Liverpool è decisa da un gol di Eric Cantona a 5′ dalla fine.

-ITALIA-
Serie A 1995/96: campione Milan. 
Quarto tricolore in 5 stagioni per il Milan di Fabio Capello, che si mette alle spalle con largo anticipo sopratutto la Juventus di Marcello Lippi. In coda invece i 24 gol di Igor Protti (capocannoniere con Signori) non salvano il Bari dalla retrocessione in serie B.
Coppa Italia 1995/96: campione Fiorentina. La squadra di Claudio Ranieri ringrazia il suo bomber Batistuta che timbra il cartellino in entrambe le sfide di finale contro l’Atalanta. Nel 2 a 0 rifilato a domicilio, in gol anche Lorenzo Amoruso.

potrebbe interessarti ancheDove vedere Lazio-Arsenal in diretta tv e live streaming, amichevole oggi 4 agosto

-SPAGNA-
Primera Division 1995/96: campione Atletico Madrid. 
In Spagna si assiste all’exploit dell’Atletico Madrid guidato da Radomir Antic che al termine di quella stagione realizzerà l’unico doblete della sua storia. In campionato i colchoneros la sputano sul Valencia e il Barcellona. E il Real Madrid? Fuori dalle coppe con il sesto piazzamento finale in campionato.
Coppa del Re 1995/96: campione Atletico Madrid. Come detto i colchoneros furono implacabili. In coppa la finale contro il Barcellona viene decisa da un gol di Pantic al minuto 102.

-GERMANIA-
Bundesliga 1995/96: campione Borussia Dortmund. I gialloneri bissano il successo dell’anno precedente spuntandola sul Bayern Monaco anche grazie ai 17 gol di Fredi Bobic.
Coppa di Germania 1995/96: campione Kaiserslautern. I “Diavoli rossi” si aggiudicano il torneo per la seconda volta nella propria storia, battendo in finale il Karlsruher per 1 a 0. Evento quasi inaspettato visto che solo una settimana prima, il Kaiserslautern aveva subito la prima retrocessione in seconda divisione dato il terzultimo posto in campionato.

-FRANCIA-
Division 1 1995/96: campione Auxerre. 
La squadra della Borgogna vince il primo campionato (ed unico finora) della propria storia. La spunta sul PSG e sul Monaco, appaiate a 4 punti di distanza.
Coppa di Francia 1995/96: campione Auxerre. Altro successo per i biancoazzurri, che in finale battono la sorpresa Nimes, club di terza divisione. 2 a 1 il risultato finale grazie al gol di Laslandes a 2′ dalla fine.

notizie sul temaAmichevole Lazio Arsenal, le probabili formazioni: dubbio Immobile-CaicedoArsenal, il rinnovo di Ramsey sembra essere ancora lontanoNasri, squalifica per doping prolungata fino a gennaio 2019
  •   
  •  
  •  
  •