Leclerc già più veloce di Vettel nei test. Guai in vista per il tedesco?

Pubblicato il autore: Maurizio Ceravolo Segui

Charles Leclerc – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Nella seconda giornata di test ad Abu Dhabi, il campione monegasco, Charles Leclerc, ha girato in 1.36.559, tre decimi più veloce del suo compagno di squadra, Sebastian Vettel, che, nella prima giornata, era stato a sua volta il più veloce. Guai in vista per il pilota tedesco della Ferrari? Di sicuro, quando nel paddock girava la voce di un possibile approdo in Ferrari, per il 2019, di Charles Leclerc, Sebastian Vettel non deve avere dormito sonni tranquilli. Il pilota monegasco, certamente, non vestirà di rosso per fare da spettatore ma cercherà a tutti i costi di lottare per il mondiale.

Tutto ciò, gioverà di sicuro allo spettacolo perché, alla pari di Verstappen, Leclerc è un pilota giovane che, in prospettiva, potrebbe ambire a conseguire almeno i titoli di Michael Schumacher, non uno qualsiasi. In ogni caso, sarà necessario non mettergli troppa pressione addosso perché, almeno quest’anno, in alcune occasioni è sembrato non riuscirla a gestire, nonostante un ottimo campionato.

potrebbe interessarti ancheF1, GP Francia 2019: Hamilton vince per la 79ª volta in carriera davanti a Bottas e Leclerc. 5° Vettel

Ma andando  a ritroso, per capire un po’ meglio di chi stiamo parlando, scopriamo chi è Charles Leclerc e perché le aspettative sono alte quando si parla di lui.
Il ventunenne nato a Monaco, già da bambino, nutre la passione per le corse. Infatti, inizia a correre sui Kart e, nel 2005, nel 2006 e nel 2008, vince il campionato PACA francese. Via via scala tutte le categorie fino ad arrivare, nel 2013, secondo, dietro Max Verstappen, nel campionato del mondo CIK-FIA KZ.
Successivamente nel 2014 passa alle monoposto, correndo in Formula Renault 2.0, ed arrivando secondo in quel campionato, e, nel 2015, in Formula 3 Europea arrivando quarto.
La sua consacrazione avviene nel 2016 quando, da rookie, vince il campionato di GP3, con l’ART Grand Prix, e diventa, entrando nella Ferrari Driver Academy, collaudatore Haas. Nel 2017, come l’anno prima, vince da rookie il campionato di Formula 2 e diventa collaudatore Sauber. Quest’anno ha corso con la Sauber, in Formula 1,  entrando nella top ten in 10 gare e ottenendo 39 punti iridati e il 13^ posto in campionato.

Vista la sua carriera, fino a questo punto, non vorremmo essere nei panni di nessun pilota di Formula 1 perchè, la sua presenza, non sarà scomoda solo per Vettel ma, al contrario, anche il neo pentacampione del mondo Lewis Hamilton dovrà avere paura.

potrebbe interessarti ancheF1, GP Francia 2019: le dichiarazioni dei piloti al termine della gara

Al netto dei risultati, a questo punto,  sarà lui a riportare il titolo iridato a Maranello dopo 12 anni? Di sicuro, è quello che sperano i tifosi della Ferrari che, da troppo tempo, sono costretti a vedere la Rossa ad un passo dalla vittoria ma con sempre qualcosa in meno degli avversari per poterla ottenere.

Il 2019 è lontano ed i mesi invernali saranno fondamentali per capire se il prossimo campionato si tingerà di rosso ma, anche se ci sembrano lontanissimi, i primi test ci daranno le conferme che tutti si attendono per arrestare il dominio Mercedes. Nel frattempo, gli ingegneri saranno sicuramente al lavoro per costruire una monoposto adeguata e a noi, da appassionati di questo sport, rimane solo il fantasticare su un campionato più equilibrato con almeno 5 monoposto in lotta per la vittoria ad ogni gara…

notizie sul temaF1, Qualifiche GP Francia 2019: Hamilton fa sua la pole n°86 della carriera. La griglia di partenza completaF1, GP Canada 2019: le dichiarazioni dei piloti al termine delle qualificheF1, Qualifiche GP Canada 2019: Vettel ottiene la sua 56ª pole in carriera. La griglia di partenza completa
  •   
  •  
  •  
  •