Hockey, serie A: risultati playoff ed affluenza

Pubblicato il autore: Gianluca Pirovano Segui

La stagione dell’Hockey su ghiaccio italiana è entrata nel vivo. Si sono giocate ieri le partite valide per la gara 4 dei quarti di finale (best of seven) e ci sono già i primi verdetti. Il Renon, vincitore della regular season e vice-campione in carica, si è sbarazzato infatti del Cortina vincendo 5 a 2 all’Olimpico e chiudendo la serie sul 4-0. Pura formalità quindi per gli uomini di Lehtonen che durante l’arco di tutta la serie hanno sfruttato l’incredibile passività degli ampezzani, mai veramente in grado di opporsi allo strapotere dei Buam, anche se, ad onor del vero, durante la stagione regolare la squadra di Parco era già uscita sconfitta cinque volte su sei confronti. Sugli altri ghiacci resta invece ancora tutto aperto. Pusteria, vincente per 4-2 al Pranives, Vipiteno, vincente 6-1 allo Scola, e Asiago, vincente 3-1 al Cotta Morandini, potranno però giocarsi il passaggio del turno sul ghiaccio casalingo nelle sfide di giovedì.

Cortina e Renon sul ghiaccio dell'Olimpico

Cortina e Renon sul ghiaccio dell’Olimpico

Ecco i tabellini dell’ultimo turno:

HC Gherdeina valgardena.it – HC Val Pusteria 2-4 (1-2, 1-0, 0-2)
MARCATORI: 1-0 Luke Moffatt (Justin Mercier, Shane Sims) 11:10; 1-1 Giulio Scandella (sup. numerica) (Max Oberrauch, Kevin DeVergilio) 14:26; 1-2 Giulio Scandella (Armin Helfer, Viktor Schweitzer) 16:43; 2-2 Benjamin Bregenzer (sup. numerica) (Ivan Demetz, Benjamin Kostner) 33:13; 2-3 Giulio Scandella (Rapahel Andergassen, Danny Elliscasis) 47:29; 2-4 Viktor Schweitzer (porta vuota) (Armin Helfer) 59:50.

Serie sul 3-1 per Hc Val Pusteria

Fassa Falcons – SSI Vipiteno Weihenstephan 1-6 (1-1, 0-3, 0-2)
MARCATORI: 1-0 Michael Jouko Vaskivuo (inf. numerica) (Thomas Dantone, Marton Vas) 5:25; 1-1 Fabian Hackhofer (Jason Walters, Adam Hughesman) 6:48; 1-2 Taylor Stefishen (Jason Walters) 29:30; 1-3 Adam Hughesman (Jason Walters) 39:11; 1-4 Taylor Stefishen (Adam Hughesman, Jason Walters) 39:59; 1-5 Jason Walters (rigore) 52:56; 1-6 Ivan Deluca (sup. numerica) (Tobias Kofler, Philipp Pircher) 55:24.

Serie sul 3-1 per SSI Vipiteno Weihenstephan

HC Valpellice Bodino Engineering – Asiago Hockey 1935 1-3 (0-0, 1-2, 0-1)
MARCATORI: 1-0 Andrea Schina (Marco Pozzi, Alex Silva) 35:07; 1-1 Sean David Bentivoglio 36:15; 1-2 Anthony Luciani (Anthony Nigro, Paul Zanette) 36:51; 1-3 Layne Ulmer (Daniel Anthony Sullivan, Mike Sullivan) 47:54.

Serie sul 3-1 per Asiago Hockey 1935

Sg Cortina Hafro – Rittner Buam 2-5 (0-0, 0-3, 2-2)
MARCATORI: 0-1 Brendan Cook (sup. numerica) (Brad Cole) 22:01; 0-2 Alex Frei (Emanuel Scelfo, Julian Kostner) 22:35; 0-3 Brendan Cook (Simon Kostner) 34:22; 1-3 Stefano Momesso (Angelo Esposito, Luca Zandonella) 53:41; 1-4 Luca Ansoldi (Thomas Spinell) 54:45; 2-4 Luca Zandonella (sup. numerica) (Francesco Adami, Peter Wunderer) 57:40; 2-5 Mark Van Guilder (porta vuota) (Brendan Cook, Brad Cole) 59:01.

Serie vinta 4-0 dal Rittner Buam

L’affluenza– Aldilà dei risultati sportivi, c’è un dato che emerge dalla prime gare di questi playoff che non può che essere allarmante: quello degli spettatori. La media dopo 16 gare si attesta su 686, una vera miseria, se si pensa soprattutto che durante la stagione regolare il dato segnava 750, comunque basso ma superiore. Emblematico in questo senso è il caso di Cortina che sta subendo negli ultimi anni un crollo evidente delle presenze a palazzo. Si è passati dagli 810 di media della stagione 2011/12 ai 523 di quella attuale che scendono a 332 nella serie con Renon. Numeri che fotografano la lenta ma costante disaffezione nei confronti di questo sport anche in realtà storiche. E questi dati diventano ancora più allarmanti se il calo si avverte anche in piazze che da sempre sono un buon bacino di pubblico: Brunico e Torre Pellice. I primi hanno chiuso la stagione regolare con una media di 1131 spettatori che è scena a 842 nelle due gare playoff sinora disputate, i secondi hanno mantenuto un’affluenza identica nelle due fasi del campionato ma sono vittima di un calo che vede i 1749 di media della stagione 2012/13 scendere ai poco più di mille odierni.

Tifosi a Brunico

Tifosi a Brunico

Se il caso Valpe è particolare e dettato anche da uno scarso feeling fra la proprietà e la valle, quello di Brunico può essere letto in differenti modi. Da un lato la scomodità di un palazzo vecchio come il Lungo Rienza (esiste il progetto per un nuovo palazzo che verrà inaugurato nel 2018), dall’altro un crescente disinteresse da parte dei tifosi per un campionato di scarso livello e soprattutto di scarso interesse. Anche in quest’ottica può essere letta la richiesta inoltrata dal ValPusteria alla Ebel per il prossimo campionato. Questa però è un’altra storia. Certo è che i numeri, pur provvisori e limitati, sono il ritratto di un movimento ormai al collasso. Sembra non esistere nessuno in grado di trovare soluzioni immediate o progetti a lungo termine, in un contesto dove la Federazione è assente e non esiste nessuna collaborazione attiva fra i club. Ai tifosi non resta che godersi questi ultimi mesi di playoff e prepararsi all’ennesima estate caldissima.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"