GAF: Serie A Arezzo, novità tra gli esercizi presentati in gara!

Pubblicato il autore: Alessia Lunghi Segui


Sabato 3 Marzo si è svolta ad Arezzo la prima prova del campionato di serie A di ginnastica artistica femminile e diverse ginnaste hanno deciso di presentare nuovi elementi all’interno dei loro esercizi.

A trave, oltre Elisa Meneghini, che ha riportato il suo salto teso avvitato , anche Elisa Bizzotto ( classe 2004 ) della società Corpo Libero Gymnastics Team e Marta Morabito ( classe 2005 ) della società Olos Gym 2000 hanno eseguito questo difficilissimo elemento in gara e Marta Morabito, nonostante la caduta finale, è stata la prima italiana junior della storia a presentare in gara rondata teso con un avvitamento. Nel medesimo attrezzo, Lara Mori ha eseguito un triplo avvitamento in uscita per concludere in bellezza il suo magnifico esercizio.
Giorgia Villa, invece, della società Brixia Brescia, ha presentato un nuovo esercizio alle parallele con difficoltà veramente interessanti e un valore di partenza di 5.9. La ginnasta brixiana ha eseguito: salto Ricna + Pak + Shaposnikova + Stalder 1\2 giro + Ezhova , Shaposnikova preso dallo stalder + tarzan + fioretto stacco, piantata cubitale con un giro + 1\2 giro  + tsukahara in uscita!
Anche  Giada Grisetti ( CSB ) , Alice D’Amato ed  Elisa Iorio ( Brixia Brescia ) hanno eseguito nuovi esercizi alle parallele e le due brixiane hanno inserito all’interno del loro esercizio lo Shaposnikova con mezzo giro.
Per quanto riguarda il volteggio, la piccola Alessia Federici della società Pro Patria 1883 ha portato un avvitamento intero.
Queste sono solo alcune novità viste in gara e per essere stata la prima prova del campionato 2018 sono state sicuramente abbastanza anche perché, solitamente, la prima gara dell’anno è una gara di ”ripresa” e di novità non se ne vedono sempre.

Leggi anche:  Vettori-Costa streaming e diretta tv UFC su TV8? Dove vedere MMA

Ora non ci resta altro che aspettare la seconda prova del campionato di serie A che si svolgerà a Milano il 4 e 5 maggio, chissà se vedremo uno spettacolo ancora più grande?

  •   
  •  
  •  
  •