Nations League: addio semifinali per l’Italvolley femminile

Pubblicato il autore: Linda Zanoni Segui

Dopo la brutta sconfitta di ieri contro la Turchia per 3-0, l’Italia aveva la possibilità di vincere per andare in semifinale. Così non è stato: arriva anche la sconfitta per 3-1 contro la Cina. Le azzurre non sono state in grado di riscattarsi; per loro prestazione a lunghi tratti sottotono.

La sconfitta maturata ieri contro la Turchia nella prima partita delle azzurre alle Final Six ha rappresentato una mazzata. Perché l’Italia non è riuscita a giocare come al solito, a reagire ed è sembrata abbastanza contratta dopo la pausa. Come dichiarato dallo stesso Mazzanti alla vigilia del match, è necessario che “l’Italia giochi come l’Italia”. Purtroppo non è andata così.

L’Italia deve fare a meno di Miriam Sylla, una delle protagoniste in assoluto di questa competizione per la nostra Nazionale. Il coach azzurro si affida all’esperienza di Lucia Bosetti, Malinov e Chirichella con l’apporto anche di Egonu, Pietrini e Danesi.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, aggiornamento importante sulle condizioni di Miriam Sylla

Primo set

La Cina parte meglio, grazie anche al sostegno ricevuto dal pubblico di casa. Le azzurre, come nella partita di ieri, sembrano contratte e la Cina scappa via. L’Italia fatica a trovare la giusta intesa, concedendo anche diversi errori. Le azzurre non riescono a recuperare e il primo set termina 25-17.

Secondo set

Il secondo parziale inizia con un altro piglio per le azzurre, che si fanno trascinare da Paola Egonu. Le cinesi riescono, però, a recuperare e il match prosegue punto a punto. Nonostante la trascinatrice Egonu, l’Italia si fa rimontare e superare. La Cina prende consapevolezza e coraggio e così termina anche il secondo set, a 25-22 per le avversarie.

Terzo set

Anche in questo parziale ad iniziare meglio sono le azzurre, dimostrando maggior cattiveria ed unione. L’Italia riesce a mantenere qualche punto di vantaggio rispetto alle avversarie. Le cinesi ci credono e riacciuffano l’Italia. La squadra di Mazzanti, però, non molla e porta a casa questo set, sul punteggio di 25-22. L’Italia deve crederci ora.

Leggi anche:  Mondiali di pallamano, girone E: Francia, Norvegia e Svizzera volano al Main Round, l'Austria esce di scena

Quarto set

Il quarto set parte male per l’Italia, che si ritrova subito sotto di qualche punto. Le azzurre cercano di fare il possibile per recuperare, sbagliando però qualcosa di troppo. L’Italia si avvicina sempre alla Cina, che però poi scappa proprio sul finire del match. Il terzo parziale termina 25-22.

Nulla da fare per le azzurre. La loro esperienza in Nations League termina qui. Appuntamento fra un mese circa per le qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

  •   
  •  
  •  
  •