UFC, ecco “Fight Island”: si lotterà in spiaggia ad Abu Dhabi!

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui

No, non è la nuova versione di un videogioco di combattimento. I prossimi Ultimate Fighting Championship saranno interamente trasferiti negli Emirati Arabi, precisamente ad Abu Dhabi sulla spiaggia di Yas Island.
E’ questa la clamorosa decisione presa dal presidente dell’UFC Dana White, che da un paio di mesi voleva far combattere gli atleti in un’area protetta da possibili contagi di Covid-19, la location era rimasta segreta fino a ieri.

PROGETTO “FIGHT ISLAND”
Come detto l’UFC si sposterà ad Abu Dhabi a Yas Island, dove il governo emiro creerà una zona di sicurezza di circa 26 chilometri quadrati all’interno dell’isola che includerà un’arena di combattimento, un hotel e strutture per la formazione e la ristorazione. Potranno accedere all’area solo i dipendenti dell’isola e il personale UFC oltre ad atleti ed allenatori.
Dana White ha commentato così la decisione: “Avevamo necessità di far combattere gli atleti fuori da Las Vegas, ma siccome i nostri lottatori internazionali avevano difficoltà ad entrare negli USA dovevamo ricercare una località “Covid free“, così da poter permettere a tutti di partecipare all’evento. Abbiamo pensato alla partnership che ci lega al DCT di Abu Dhabi ed è nata l’occasione”. Il 51enne nativo di Manchester ha parlato anche dell’organizzazione: “Stiamo costruendo un’infrastruttura unica nel suo genere e mai creata prima, dall’arena alla struttura per allenarsi all’Ottagono sulla spiaggia che sarà la chicca dell’UFC Fight Island. Non vediamo l’ora di iniziare sarà un mese indimenticabile”.
Il presidente del DCT di Abu Dhabi Mohamed Khalifa al Mubarak è pienamente soddisfatto: “Abbiamo lavorato a stretto contatto con gli enti governativi di Abu Dhabi per garantire che la messa in scena di questo evento storico sia conforme ai più alti standard di sicurezza per gli atleti, gli allenatori e tutto il personale UFC, nonché la sicurezza della nostra comunità. Quest’anno Abu Dhabi ha dimostrato con successo la sua capacità di gestire tutte le sfide e promuovere il benessere dei suoi visitatori e residenti”.

Leggi anche:  Mondiali di pallamano: definiti i quarti di finale

PROGRAMMAZIONE
Saranno quattro gli eventi che avranno luogo a Yas Island: il primo sarà UFC 251 sabato 11 luglio (in pay-per-view) mentre gli altri tre saranno tutti “UFC Fight Night” che si disputeranno nelle date di mercoledì 15 luglio, sabato 18 luglio e sabato 25 luglio.
Ci saranno ben tre match per il titolo, anche se il fiore all’occhiello della manifestazione sarà l’attesissimo match per il titolo dei “pesi welter tra Kamaru Usman (11-0, primo campione UFC africano della storia non perde da marzo 2019) e Gilbert Burns che ha un record di 12-3.
Le altre sfide sono le seguenti:
Titolo dei “pesi piuma” tra il campione Alexander Volkanovski (8-0) e Max Holloway (17-5);
Titolo dei “pesi gallo” vacante tra Petr Yan (6-0) e Jose Aldo (10-5);
Titolo dei “pesi paglia” tra il campione Jesse Andrade (11-5) e Rose Namajunas (6-3).

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: