Formula 1, Renault presenta una protesta ufficiale per la regolarità delle Racing Point

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


Formula 1
– Dopo settimane, anzi mesi, di chiacchiere e mini inchieste sulla regolarità o meno della Racing Point RP20, da molti accusata di aver copiato la Mercedes 2019, la Renault ha ufficialmente presentato protesta alla Fia al termine del Gran Premio di Stiria. Secondo la scuderia francese di Enstone, la Racing Point violerebbe i punti 2.1, 3.2 e appendice 6, paragrafo 1, 2(a) e 2(c) del FIA Formula One Sporting Regulations 2020, secondo il quale bisogna usare solo componenti progettati internamente.

La protesta ufficiale della Renault

Già dai test di Barcellona, a detta di tutti all’interno del paddock di Formula 1, la Racing Point (ex Force India) sembra l’esatta copia della Mercedes 2019 colorata di rosa. Tutte le scuderie avevano chiesto spiegazioni alla FIA ma nessuno aveva presentato una protesta ufficiale perché non aveva le prove necessarie, ma dopo il secondo Gran Premio della stagione la Renault ha presentato una protesta ufficiale sulla regolarità delle Racing Point RP20 guidate da Sergio Perez e Lance Stroll. Ecco di seguito il breve ma significativo comunicato pubblicato su Twitter:

“We confirm that Renault DP World F1 Team has submitted a request to the Stewards of the Event for clarification on the legality of the Racing Point RP20. We have no further comment on this matter until the Stewards have arrived at a decision”.

“Confermiamo che il Team Renault DP World F1 ha presentato una richiesta agli Steward dell’evento per chiarimenti sulla legalità della Racing Point RP20. Non abbiamo ulteriori commenti in merito fino a quando gli Steward non saranno arrivati a una decisione”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Ferrari, Leclerc: "Il passo gara c'è, ma domani sarà complicato"