Pallanuoto, Serie A1: esordio travolgente per l’Ortigia

Pubblicato il autore: Albyreds Segui


La centoduesima edizione del massimo campionato di pallanuoto si apre alla piscina “Paolo Caldarella” di Siracusa con l’agevole successo del Circolo Canottieri Ortigia sulla Lazio Nuoto per 16-3. La travolgente affermazione interna consente alla squadra di Stefano Piccardo d’issarsi in vetta al girone C che comprende anche il Telimar Palermo prossimo avversario dei biancoverdi il 21 novembre alla piscina olimpionica comunale del capoluogo siciliano. Prima di rituffarsi nel campionato la compagine aretusea farà però il suo storico esordio nei preliminari di Champions League ospitando dall’11 al 15 novembre uno dei due concentramenti di qualificazione alla più importante e prestigiosa competizione pallanuotistica continentale. La Lazio Nuoto tornerà, invece, in scena soltanto il 28 novembre quando nella terza giornata del raggruppamento ospiterà al Foro Italico il Telimar Palermo.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

L’incontro vede l’Ortigia inaugurare le marcature al 2:33 con una bella palombella di capitan Giacoppo allo scadere dei venti secondi di superiorità numerica determinata dall’espulsione tra gli ospiti di Caponero. L’attaccante Mirarchi, proveniente dalla Pallanuoto Sport Management, si mette in evidenza servendo a Napolitano l’assist per il raddoppio al 04:01 e finalizzando, in situazione di uomo in più, il contropiede che permette ai biancoverdi di ritrovarsi al 05:34 sul 3-0. La Lazio, priva di Giorgi, ha una reazione sul finire del tempo. Ferrante al 06:55 accorcia le distanze sfruttando la superiorità numerica determinata dall’espulsione di Ferrero. Al 07:46 i biancocelesti riducono ulteriormente il divario andando a segno con una conclusione dalla distanza di Vitale ma una disattenzione consente a Giacoppo, ottimamente imbeccato da Vidovic, di siglare a quattro secondi dal termine il 4-2. L’Ortigia allunga in modo perentorio nella seconda frazione. I rossoverdi pressoché perfetti in fase difensiva volano sul 9-2 con la doppietta di Gallo e con i centri di Napolitano, Vidovic e Cassia. Gli ospiti non riescono a trovare la via della rete neppure su rigore: Maddaluno, sul 2-7, si vede neutralizzare un tiro dai cinque metri da Tempesti. La gara non ha più storia. Napolitano, Mirarchi e Ferrero incrementano nella terza frazione il bottino dei padroni di casa (12-2). Nell’ultimo periodo l’Ortigia va ancora a segno in quattro circostanze (due volte con Giacoppo e una con Cassia e Mirarchi). Il digiuno realizzativo della Lazio, protrattosi per 24 minuti, s’interrompe soltanto a undici secondi dalla fine con il gol di Marini.

Leggi anche:  Pallamano, Serie A: Conversano nuova capolista

C.C. Ortigia – S.S. Lazio Nuoto 16-3 (4-2, 5-0, 3-0, 4-1)
C.C. Ortigia: Tempesti, Cassia 2, Abela, Rocchi, Di Luciano, Ferrero 1, Giacoppo 4, Gallo 2, Mirarchi 3, Rossi, Vidovic 1, Napolitano 3, Piccionetti. Allenatore: Piccardo.
S.S. Lazio Nuoto: Soro, Ferrante 1, Colosimo, Bobbi, Vitale 1, Marini 1, Caponero, Antonucci, Leporale, Narciso, Maddaluno, Provenziani, Moscardelli. Allenatore: Sebastianutti.
Arbitri: Lo Dico e Schiavo.
Superiorità numeriche: Ortigia 9/13 e Lazio 1/9 + 1 rigore.
Note: usciti per limiti di falli Antonucci (L) e Vitale (L) nel quarto tempo.

  •   
  •  
  •  
  •