Mondiali di pallamano: definiti i quarti di finale

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


La disputa della giornata conclusiva dei gruppi III e IV del Main Round dei Mondiali di pallamano porta al completamento del quadro dei quarti di finale in programma mercoledì 27 gennaio. Al già noto match tra Danimarca ed Egitto che aprirà la giornata faranno seguito le sfide tra Spagna e Norvegia, tra Francia e Ungheria e tra Svezia e Qatar.

La notizia del giorno è l’ingresso dei campioni d’Asia tra le migliori otto del mondo per la terza volta nella propria storia: la selezione diretta da Valero Rivera, complice l’affermazione della già qualificata Danimarca sulla Croazia per 38-26, chiude al secondo posto il gruppo II del Main Round in virtù del successo ottenuto in rimonta sull’Argentina per 26-25. Grande, alla luce anche dell’andamento dell’incontro, il rammarico per la selezione albiceleste cui sarebbe bastato un pari per centrare uno storico traguardo. Il Qatar, solido anche dal punto di vista mentale, trova, con Marzo, Madadi e Capote in bella evidenza, la forza per reagire agli allunghi degli avversari (4-11 al 18′ e 15-19 al 38′), mettere la testa avanti per la prima volta al 49′ (21-20) e resistere agli assalti finali de Los Gladiadores.
Il quadro dei risultati del gruppo andato in scena al “Cairo Stadium Sports Hall” è completato dalla vittoria del Giappone sul Bahrain per 29-25.

Il duello per il primo posto nel gruppo I del Main Round vede la Spagna prevalere agevolmente sull’Ungheria per 36-28. La nazionale iberica, dopo essersi vista respingere un paio di tentativi di fuga, riesce con un parziale di 6-1 ad issarsi al 25′ sul 17-11 grazie soprattutto ad un pressoché perfetto Ferran Sole Sala autore di un 8/8 al tiro. L’Ungheria, dopo aver chiuso la prima frazione sul 14-21, accenna in apertura di ripresa ad una reazione portandosi a meno cinque. La riposta della Spagna è tramortente: la rappresentativa guidata da Jordi Ribera, infila un 7-0 che chiude la sfida con un quarto d’ora d’anticipo.
Negli altri due ininfluenti incontri del raggruppamento si registrano il largo successo del Brasile sull’Uruguay per 37-17 ed il pareggio tra Polonia e Germania per 23-23.

Leggi anche:  Un "Marziano" di nome Van Der Poel

QUARTI DI FINALE mercoledì 27 gennaio
Spagna – Norvegia
Danimarca – Egitto
Francia – Ungheria
Svezia – Qatar

GRUPPO I MAIN ROUND “New Capital Sports Hall” – Futura Capitale dell’Egitto
BRASILE – URUGUAY 37-17 (18-7)
Player of the Match: Rogerio Moraes (Brasile)
Brasile: Da Rosa (7/14), Santos (7/17), Silva 3, Torriani 4, Andrade, Moraes 5, Chiuffa 3, Vinicius Teixeira 1, Patrianova 3, Dutra, Luciano 7, Ponciano, Langaro 2, Hackbarth 5, Almeida, Rodrigues 4. All.: Herdeiro (vice di Oliveira).
Uruguay: Navarrete Gambino (3/22), Gonzalez Alloza (5/23), Chaparro Almada 3, Liston Galbarini 1, Fabra Gentile, Spangenberg Torre 1, Cancio Casas, Mendez Suarez 1, Morandeira 1, Botejara Meringolo 1, Rubbo Rodriguez 2, Vecino Szolno 3, Velazco Fernandez 1, Goyoaga Alonso 3, Rostagno Rios, De Agrela Milgron. All.: Jorge Botejara.
Arbitri: Krichen (Tun) – Makhlouf (Tun).
Tiri dai 7 metri: Brasile 1/1; Uruguay 2/3.

SPAGNA – UNGHERIA 36-28 (21-14)
Player of the Match: Gonzalo Perez de Vargas Moreno (Spagna)
Spagna: Corrales Rodal (0/1), Perez de Vargas Moreno (17/40), Maqueda Peno 4, Fernandez Perez 3, Entrerrios Rodriguez 2, Alex Dujshebaev Dovichebaeva, Sarmiento Melian 1, Sole Sala 8, Figueras Trejo 1, Canellas Reixach 2, Morros de Argila, Gomez Abello 7, Arino Bengoechea 2, Guardiola Villaplana 2, Marchan Criado 3, Daniel Dujshebaev Dovichebaeva 1. All.: Ribera.
Ungheria: Szekely (3/24), Borely (3/17), Sipos, Topic 1, Boka, Balogh 5, Gyori 5, Nagy 2, Rosta 2, Sunajko 4, Mathe 1, Szita 2, Ancsin 4, Bodo, Hornyak 1, Hanusz 1. All.: Gulyas.
Arbitri: Nachevski (Mkd) – Nikolov (Mkd).
Tiri dai 7 metri: Spagna 3/3; Ungheria 3/3.

Leggi anche:  Un "Marziano" di nome Van Der Poel

POLONIA – GERMANIA 23-23 (12-11)
Player of the Match: Adam Morawski (Polonia)
Polonia: Morawski (13/35), Kornecki, Krajewski 5, Walczak 1, Sicko 4, Majdzinski, Ossowski, Czuwara, Pilitowski 2, Moryto 3, Daszek 3, Gebala 3, Przypbylski 1, Dawydzik, Gebala 1, Chrapkowski. All.: Rombel.
Germania: Heinewetter (0/1), Wolf (13/34) Gensheimer 3, Golla 2, Knorr, Firnhaber 1, Weber 4, Michalzcik, Groetzki, Hafner 1, Schiller 3, Kuhn 1, Bohm, Kastening 1, Schmidt 4, Drux 3. All.: Gislason.
Arbitri: Pavicevic (Mne) – Razantovic (Mne).
Tiri dai 7 metri: Polonia 3/4; Germania 1/2.

I RISULTATI
Preliminary Round
Germania – Uruguay 43-14
Ungheria – Uruguay 44-18
Germania – Ungheria 28-29
Spagna – Brasile 29-29
Polonia – Spagna 26-27
Brasile – Polonia 23-33
Main Round
Uruguay – Polonia 16-30
Ungheria – Brasile 29-23
Spagna – Germania 32-28
Uruguay – Spagna 23-38
Polonia – Ungheria 26-30
Germania – Brasile 31-24
Brasile – Uruguay 37-17
Spagna – Ungheria 36-28
Polonia – Germania 23-23

LA CLASSIFICA
1. Spagna 9 (+28 d.r.)
2. Ungheria 8 (+29 d.r.)
3. Germania 5 (+31 d.r.)
4. Polonia 5 (+19 d.r.)
5. Brasile 3 (-3 d.r.)
6. Uruguay 0 (-104 d.r.)

GRUPPO II MAIN ROUND Sede: “Cairo Stadium Sports Hall” – Il Cairo
BAHRAIN – GIAPPONE 25-29 (12-19)
Player of the Match: Tatsuki Yoshino (Giappone)
Bahrain: A. Husain (2/18), Alshuwaikh (5/17), Ali Merza 2/4, Alsamahiji, Qambar, Abdulredha, Fadhul 2, Mohamed Merza 1, Mahfoodh 4, Alsalatna, Salman 2, Alfardan 2, Saad, Ahmed 5, Habib 2, Alsayyad 5. All.: Sigfusson.
Giappone: Iwashita (14/35), Sakai (1/5), Kasahara, Kitazume, Narita 2, Watanabe 8, Doi 1, Motoki 5, Tamakawa, Yoshino 9, Agarie 1, Demura, Mizumachi 1, Takano, Rennosuke Tokuda, Yoshida 2. All.: Sigurdsson.
Arbitri: Charlotte Bonaventura (Fra) – Julie Bonaventura (Fra).
Tiri dai 7 metri: Bahrain 3/3; Giappone 1/1.

Leggi anche:  Un "Marziano" di nome Van Der Poel

ARGENTINA – QATAR 25-26 (13-12)
Player of the Match: Frankis Marzo (Qatar)
Argentina: Maciel (11/33), Bar (1/4), Fernandez, Federico Pizarro 7, Sebastian Alejandro Simonet 4, Vainstein, Diego Esteban Simonet 3, Ignacio Pizarro 2, Pablo Ariel Simonet, Baronetto 3, Moscariello 6, Carou Marcel, Martinez Cami, Martinez, Mourino, Bonanno. All.: Cadenas.
Qatar: Abidi (5/19), Saric (), Alkrad, Mabrouk, Madadi 6, Capote 6, Marzo 8, Sassi 3, Berrached, Alderi, Romane, Sami, Ali 3, Dhiab, Hassaballa, Zakkar. All.: Rivera.
Arbitri: Horacek (Cze) – Novotny (Cze).
Tiri dai 7 metri: Argentina 1/1; Qatar 6/8.

DANIMARCA – CROAZIA 38-26 (17-15)
Player of the Match: Emil Jacobsen
Danimarca: Niklas Landin Jacobsen (5/13), Moller (1 e 10/27), Magnus Landin Jacobsen, Emil Jacobsen 8, Zachariassen 4, Magnus Saugstrup Jensen 3, Henrik Mollgard Jensen, Larsen 3, Olsen, Hansen 3, Andersson 2, Nielsen 5, Holm 6, Gidsel, Simon Hald Jensen, Christensen 3. All.: Nikolaj Jacobsen.
Croazia: Pesic (8/33), Sego (1/11), Maric 6, Duvnjak 1, Horvat 2, Kevic, Karacic 5, Strlek, Cupic 3, Musa, Mamic 2, Sebetic 1, Brozovic, Mandic 1, Jaganjac 2, Martinovic 3. All.: Červar.
Arbitri: Raluy (Esp) – Sabroso (Esp).
Tiri dai 7 metri: Danimarca 6/6; Croazia 2/2.

I RISULTATI
Preliminary Round
Croazia – Giappone 29-29
Qatar – Giappone 31-29
Croazia – Qatar 26-24
Danimarca – Bahrain 34-20
Argentina – Bahrain 24-21
Danimarca – Argentina 31-20
Main Round
Giappone – Argentina 24-28
Croazia – Bahrain 28-18
Danimarca – Qatar 32-23
Qatar – Bahrain 28-23
Argentina – Croazia 23-19
Giappone – Danimarca 27-34
Bahrain – Giappone 25-29
Argentina – Qatar 25-26
Danimarca – Croazia 38-26

LA CLASSIFICA
1. Danimarca 10 (+53 d.r.)
2. Qatar 6 (-3 d.r.)
3. Argentina 6 (-1 d.r.)
4. Croazia 5 (-4 d.r.)
5. Giappone 3 (-9 d.r.)
6. Bahrain 0 (-36 d.r.)

  •   
  •  
  •  
  •