League of Legends, LEC quarta settimana

Pubblicato il autore: Angela Allegretto

Sabato sera si è tenuto l’ultimo turno del girone di andata del campionato europeo di League of Legends. Anche questa settimana, il campione più bannato è stato Udyr che, su dieci partite, è stato “bandito” dai team ben nove volte, riuscendo ad essere pickato una sola volta. Sono tornati nella Landa degli Evocatori Riven e Vladimir in Top Lane, Corki in Mid Lane e, Skarner e Gragas, in Giungla.

League of Legends, ultimo giorno del girone di andata

Venerdì e sabato si sono tenute le ultime dieci partite che hanno concluso il girone di andata dello Spring Split del campionato europeo di League of Legends. Non è stato un buon turno per tutti i team; dopo due settimane di vittorie, gli FC Schalke 04 hanno avuto una forte battuta d’arresto, perdendo entrambi i matches. Il girone di andata non si è concluso bene nemmeno per il Team Vitality. La società francese ha fatto posto ad un nuovo bot laner, Jus “Crownshot” Marušič, che non è riuscito ad aiutare il team a tornare in pista. I Vitality chiudono l’andata con un punteggio di 1-8, classificandosi decimi. In classifica troviamo al nono, ottavo e settimo posto, rispettivamente, Astralis, Mitsfits Gaming ed SK Gaming. Tutte e tre le squadre hanno concluso la prima parte dello Spring Split con una vittoria ed una sconfitta. In quarta  posizione ci sono i Mad Lions e gli Excel Esports, entrambi con cinque vittorie e quattro sconfitte. Le uniche due squadre che sono riuscite a portare a casa due vittorie sono state i Fnatic, classificandosi terzi, e i G2 eSports, primi, a pari merito, con i Rogue.

Leggi anche:  Volley femminile A1, Daniele Santarelli prova a spiegare il ko di Conegliano

Match of the Week

Sabato sera, alle 21, si è giocato il Match of the Week che vedeva scontrarsi i primi due team in classifica, G2 eSports e Rogue. La partita, iniziata positivamente per i Rogue con un First Blood , è durata ben cinquanta minuti. I G2 hanno subito recuperato con quattro kill, salendo in gold ed esperienza. Interessanti sono state le pick da entrambi i lati; i  Rogue hanno scelto un ad carry molto particolare Vayne, mentre i G2 hanno deciso di variare, in Top Lane, con un campione poco giocato ultimamente, Quinn. Le performance di Steven “Hans Sama” Liv, bot laner dei Rogue, e di Martin “Wunder” Hansen, top laner dei G2, sono state molto positive lasciando la vittoria sul filo del rasoio. Ottime le giocate anche dei jungler, Kacper “Inspired” Słoma con Lillia, e Marcin “Jankos” Jankoski che, con Nidalee, si è aggiudicato quattro draghi della Montagna, il buff dell’Elder Drake e il buff da Barone Nashor. Il match era fondamentale per entrambi i team. I Rogue aspiravano a chiudere questa prima fase da capolista, i G2, dal canto loro, dopo le due sconfitte delle scorse settimane volevano tornare in testa. Con questa partita entrambe le squadre si sono classificate prime, aspettando l’inizio del girone di ritorno.

Leggi anche:  Volley femminile A1, Daniele Santarelli prova a spiegare il ko di Conegliano

 

  •   
  •  
  •  
  •