Pallamano, Champions League: il PSG travolge il Vive Kielce

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


I tre incontri disputati in serata nella Champions League di pallamano fanno registrare altrettante affermazioni interne. A fare scalpore, per l’ampiezza dello scarto finale, è la caduta del Lomza Vive Kielce: la capolista del girone A, soccombe allo Stade Pierre de Coubertin contro il Paris Saint-Germain per 37-26 in una sfida caratterizzata dalle 10 reti messe a segno da Elohim Prandi per i padroni di casa e da Alex Dujshebaev per gli ospiti.

Il quinto successo consecutivo consente alla formazione diretta da Raul Gonzalez di salire in classifica a quota 12 e insediarsi, a spese dei bielorussi del Meshkhov Brest, da sola al terzo posto a tre lunghezze da quella tedesca del SG Flensburg-Handewitt ed a cinque da quella polacca rimasta l’ultima ad avere avuto la meglio su quella francese lo scorso 22 ottobre. La gara vede il Paris Saint-Germain portarsi al 12’ sull’8-3 con un parziale favorevole di 5-0. I padroni di casa ipotecano il successo a cavallo dell’intervallo infilando un altro break di 5-0 che spedisce il Lomza Vive Kielce sotto di undici (10-21) al 34’. Il PSG, dopo aver toccato anche il +15 (32-17), chiude il match con undici lunghezze di vantaggio. Decisamente più incerti si rivelano i due confronti validi per il girone B.

Leggi anche:  Pallanuoto LEN Champions League gruppo A, 4° turno: Olympiacos e AN Brescia in fuga

Il THW Kiel s’impone alla Wunderino-Arena sull’Aalborg per 28-26. Seconda vittoria di fila per i campioni in carica che riescono a ribaltare il risultato a proprio favore piazzando nei 5′ finali un break di 4-0 firmato quasi interamente da Nicklas Ekberg. Non riesce all’Aalborg, terza in compagnia dell’Motor Zaporizhzhia con 12 punti all’attivo, di dare continuità all’affermazione ottenuta sul PPD Zagreb. La formazione danese, dopo aver rimediato la terza battuta d’arresto nelle ultime quattro gare vede ridursi ad una sola lunghezza il margine di vantaggio in classifica su quella tedesca detentrice del titolo.

Grande equilibrio anche alla H Arena dove il Nantes, trascinato dalle dieci reti di Valero Rivera, riesce, seppur a fatica, ad avere ragione del fanalino di coda PPD Zagreb per 30-28. Decisivo, sul +1 per gli ospiti, si rivela il break di 3-0 sancito negli ultimi quattro minuti dalle realizzazioni di Dragan Pechmalbec, Eduardo Gurbindo Martinez e Aymeric Minne. La terza vittoria negli ultimi quattro incontri disputati consente alla compagine francese di consolidare la sesta posizione e mantenersi a ridosso del THW Kiel. Dodicesimo ko in altrettanti impegni per il PPD Zagreb.

Leggi anche:  Pallanuoto LEN Champions League gruppo A, 4° turno: Olympiacos e AN Brescia in fuga

Girone A – La classifica
1. Lomza Vive Kielce (Pol) 17
2. SG Flensburg-Handewitt*** (Deu) 15
3. Paris Saint-Germain Handball*** (Fra) 12
4. Meshkhov Brest (Blr) 11
5. MOL-Pick Szeged** (Hun) 10
6. FC Porto* (Prt) 8
7. Elverum Handball** (Nor) 5
8. HC Vardar 1961*** (Mkd) 4
* Partite in meno.

Girone B – La classifica
1. Barcellona (Esp) 24
2. Telekom Vezprém HC (Hun) 17
3. Aalborg Handbold (Dnk) 12
4. HC Motor Zaporizhzhia (Ukr)* 12
5. THW Kiel** (Deu) 11
6. HBC Nantes (Fra) 10
7. RK Celje Pivovarna Laško* (Svn) 6
8. HC PPD Zagreb (Hrv) 0
* Partite in meno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,