La torcia olimpica partirà da Fukushima

Pubblicato il autore: Federica Palman Segui


Il 25 marzo 2021 sarà un giorno importante per l’Olimpiade di Tokyo. Da Fukushima, luogo scelto per il suo significato simbolico in questi Giochi definiti in Giappone “della ricostruzione”, partirà infatti la staffetta della torcia olimpica. La cerimonia inizierà alle ore 9 locali (l’1 in Italia), senza la presenza del pubblico e del primo ministro Yoshihide Suga, impegnato a Tokyo per lavori parlamentari urgenti. Suga ha definito la staffetta della torcia olimpica “una luce di speranza” nell’area che, solo dieci anni fa, è stata colpita dal disastro che ha provocato la morte di 18 mila persone. L’evento sarà inoltre una sorta di prova generale delle misure messe in atto per i Giochi che inizieranno tra meno di 4 mesi, il prossimo 23 luglio.

Il percorso della torcia olimpica

La torcia olimpica è stata realizzata per il 30% con alluminio riciclato proveniente dagli alloggi temporanei costruiti dopo la tragedia del 2011 ed è stata accesa il 12 marzo 2020 in Grecia, vicino al Tempio di Hera a Olimpia. Nei prossimi 121 giorni, attraverserà le 47 prefetture del Giappone, fermandosi per due giorni in ogni luogo. Gli organizzatori hanno invitato il pubblico a evitare i viaggi al di fuori della propria prefettura per vedere il passaggio della torcia. Nel caso in cui in qualche punto fossero presenti troppi spettatori, invitati ad applaudire e non gridare per sostenere i tedofori, la manifestazione potrebbe essere temporaneamente sospesa.

Leggi anche:  La Formula 1 delle moto d'acqua, ultima tappa del Campionato del Mondo in Kuwait

La fiamma olimpica attraverserà diversi luoghi simbolo del Giappone. Per esempio, il 17 maggio a Hiroshima una tedofora nuoterà nel fiume di fronte al Memoriale della pace. La torcia sarà a Tokyo dal 9 luglio e inizierà il suo percorso nella capitale dal Komazawa Olympic Park, che ha ospitato i Giochi del 1964. Il viaggio terminerà con la tradizionale accensione del braciere olimpico durante la cerimonia di apertura dell’Olimpiade.

I tedofori

Nel 2019, più di mezzo milione di persone ha presentato domanda per portare la torcia olimpica. Tra queste, sono stati selezionati 10 mila tedofori, divisi tra sportivi e chi ha una storia da raccontare. Tra le persone selezionate, c’è per esempio la nipote di un uomo che aveva partecipato alla staffetta per l’Olimpiade di Tokyo 1964. A Fukushima a portare la fiamma ci sarà anche Noriyuki Suzuki, che nel 2011 ha perso la figlia Mai, portata via dallo tsunami. A Shime invece parteciperà alla staffetta la donna più anziana al mondo, ovvero Kane Tanaka, nata il 2 gennaio 1903. Spinta dai familiari, porterà la fiamma per un centinaio di metri sulla sua sedia a rotelle.

  •   
  •  
  •  
  •