League of Legens, i Mad Lions campioni d’Europa

Pubblicato il autore: Angela Allegretto Segui

Ieri sera si è concluso il campionato europeo di League of Legends. Per la prima volta la finale non si è disputata tra le due grandi squadre più vincenti, G2 eSports e Fnatic, ma tra due team ricchi in nuovi talenti e voglia di vincere.

League of Legends, finale tra Mad Lions e Rogue

Con la vittoria della scorsa settimana contro i G2 eSports, i Mad Lions sono stati catapultati direttamente in finale. Proprio i G2, con questa sconfitta, sono scesi nel Lower Bracket e, sabato pomeriggio, hanno disputato la semifinale contro i Rogue. La vittoria dei Rogue è stato uno schiacciante 3-1 e, per la prima volta dopo quattro split consecutivi, i G2 non sono arrivati in finale.
Ieri pomeriggio, dalle 17, è iniziata la finale dello Spring Split. Il format delle finale è al meglio di cinque e, pensiero comune, era che se ne sarebbero disputate solo tre. Per quanto fossero bravi e pronti per la finale, nessuno avrebbe scommesso sulla vittoria dei Mad che, hanno vinto 3-2.

Leggi anche:  Pallanuoto Serie A1: la Rari Nantes Savona vola in semifinale

I primi due game, infatti, sono stati vinti dai Rogue che hanno guadagnato il primo match point della serie. La capacità dei Mad di non farsi scoraggiare è stata fondamentale nel terzo game; con una draft tesa la push e con Marek “Humanoid” Bràzda con Orianna, hanno ottenuto la vittoria facendo sfumare il sogno del 3-0.

La ripresa fatta al top laner dei Mad Ifran Berk “Armut” Tukek è stata preveggente. Si è arrivati al quarto game dove entrambe le squadre hanno sfoderato l’artiglieria pesante. I Mad con Udyr e Twisted Fate, i Rogue con Lillia, il campione più giocato dal jungler polacco Kacper “Inspired” Sloma, e Lucian nella corsia centrale. A ventitre minuti dall’inizio del game, con otto torri e il Baron Buff, i Mad hanno vinto portando gli avversari al quinto game.

Leggi anche:  Pallanuoto Serie A1: la Rari Nantes Savona vola in semifinale

Mad Lions campioni d’Europa

L’inaspettato arrivo alla quinta partita della giornata è stato decisivo per entrambi i team. Chiunque avesse perso avrebbe avuto la soddisfazione di non aver regalato la vittoria agli avversari, e così è stato.

La partita finale è stata combattuta fino all’ultimo sangue. I Rogue sono stati in vantaggio fin dall’inizio, avevano più kill, uno scarto di circa quattromila gold sui Mad, tre draghi e un Baron Buff. Ma League of Legends non premia la quantità di kill o gold, premia l’astuzia, il buon posizionamento e la capacità di non arrendersi quando tutto sembra perduto, ed è questo che ha premiato i Mad Lions. A trentadue minuti e mezzo dall’inizio della partita, il vantaggio dei Rogue era chiaro tanto che si stavano preparando al Barone con una minion wave in bot lane all’altezza della torre dell’inibitore. Proprio nel pit del Barone è avvenuto l’ultimo fight dello Split di primavera. Doppia uccisione al rookie Javier “Elyoya” Prades Batalla, un puteggio KDA di 7/1/4 al mid laner Humanoid, con una sola kill in più e sotto di gold i Mad Lions hanno vinto il titolo di primavera.

  •   
  •  
  •  
  •