Pallanuoto Serie A1 fase élite, girone F: Ortigia-Savona 9-9, i liguri vedono le semifinali

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


La Rari Nantes Savona compie un passo probabilmente decisivo verso la conquista delle semifinali scudetto nella Serie A1 di pallanuoto conseguendo in un finale emozionante e controverso un prezioso pareggio esterno per 9-9 contro il Circolo Canottieri Ortigia Siracusa nell’importante sfida valida per la quinta giornata del girone F della fase élite. Il risultato consente, infatti, alla compagine ligure diretta da Alberto Angelini di avere il destino totalmente nelle proprie mani potendo continuare a vantare, ad un turno dal termine, due lunghezze di vantaggio in classifica su quella aretusea rimasta in svantaggio nel doppio confronto avendo perso per 10-6 il match d’andata. Nell’ultimo turno, in programma il 7/8 maggio, alla Rari Nantes Savona sarà sufficiente non perdere in casa contro la Rari Nantes Salerno per chiudere il raggruppamento al secondo posto e assicurarsi conseguentemente la qualificazione ai playoff indipendentemente dall’esito del confronto dei rivali del Circolo Canottieri Ortigia impegnati nella difficile trasferta contro la capolista AN Brescia.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

La gara, giocata a ritmi sostenuti, vede i padroni di casa, privi di capitan Giacoppo infortunatosi in fase di riscaldamento, cercare ripetutamente l’allungo decisivo. La Rari Nantes Savona, scivolata sotto 3-6 in avvio di ripresa, riesce al 22’ a riportarsi in parità con un parziale favorevole di 3-0 completato da una gran giocata di Molina. Alle reti biancoverdi siglate da Mirarchi e Vidovic gli ospiti rispondono puntualmente andando a segno con Iocchi Gratta e con un’altra “magia” di Molina. A 32’’ dal termine Rossi riporta per l’ennesima volta avanti il Circolo Canottieri Ortigia. Angelini opta per l’attacco in superiorità numerica con l’avanzamento dell’estremo difensore Massaro: la scelta si rivela efficace in quanto arriva a generare a cinque secondi dalla sirena il 9-9 di capitan Rizzo. Nell’ultima azione la formazione di Stefano Piccardo reclama, invano, la concessione di un rigore per una più che sospetta interferenza di Rizzo.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

CC ORTIGIA – RN SAVONA 9-9 (3-1, 2-2, 2-3, 2-3)
CC Ortigia: Tempesti, Cassia, Giribaldi, Rocchi 1, Di Luciano, Ferrero 1, Giacoppo, Gallo 2, Mirarchi 2, Rossi 1, Vidovic 2, Napolitano, Piccionetti. All.: Stefano Piccardo.
RN Savona: Massaro, Patchaliev, Urbinati, Vuskovic 2, Molina Rios 2, Rizzo 3, Caldieri, Bruni, Campopiano 1, Fondelli, Iocchi Gratta 1, Bertino, Da Rold. All.: Alberto Angelini.
Arbitri: Alessandro Severo (Roma) e Massimo Calabrò (Macerata). Delegato Fin: Maurizio De Chiara (Napoli).
Note. Nessun giocatore uscito per limite di falli. Superiorità numerica: Ortigia 3/10 più 2 rigori realizzati, Savona 3/9 più 1 rigore realizzato.

  •   
  •  
  •  
  •