WWE, con Blumhouse uscirà una serie tv su Vince McMahon

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

serie tv Vince McMahon

Continua il wrestling della WWE dopo l’evento Money in the Bank che ci ha regalato non poche sorprese. Ora tutte le attenzioni dei fan sono incentrate sul prossimo evento della Federazione statunitense, ovvero SummerSlam. Questo è uno degli spettacoli più amati dai fan di questa disciplina, oltre ad essere il terzo più longevo della storia della WWE. Mentre si prepara il prossimo pay-per-view, ci sono novità che non riguardano il ring. Sì, perché la WWE ha annunciato, insieme alla Blumhouse, una serie tv Vince McMahon. Questa si chiamerà “The United States of America Vs. Vince McMahon”, incentrata sul processo ai danni del patron della Compagnia. Sarà la prima rappresentazione drammatica di una parte della storia della WWE. Inoltre, è anche il primo ritratto sceneggiato di McMahon e di molte delle leggendarie Superstar di quell’epoca.

Serie tv Vince McMahon, ecco quale storia racconterà

Come spiegato in maniera approfondita da Toms’s Harware, “nel 1994, il governo degli Stati Uniti ha incriminato McMahon con l’accusa di aver presumibilmente fornito steroidi anabolizzanti agli atleti della WWE. McMahon, con la sua libertà in gioco, due bambini a casa e con la WWE sull’orlo della bancarotta, ha rifiutato di accettare un patteggiamento. Alla fine, il CEO della Compagnia è stato processato ed è stato assolto all’unanimità da una giuria di suoi pari. Questo gli ha permesso di continuare a costruire un impero globale di intrattenimento sportivo multimiliardario.

Lo spettacolo approfondirà la WWE negli anni ’90, all’epoca in cui Rupert Murdoch aveva acquistato il New York Post per favorire la sua massiccia infiltrazione nel panorama dei media statunitensi. Per anni, il famigerato giornalista del Post Phil Mushnick ha regolarmente pungolato il Presidente e CEO della WWE Vince McMahon nella sua rubrica. Titoli come “Legislators Give WWE A Free Pass On ‘Roids” e “McMahon Skips Through the Cemetery” alla fine hanno catturato l’attenzione dell’FBI e dell’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, l’ufficio del procuratore federale più prestigioso della nazione con un tasso di condanna superiore al 96 per cento.

“Jason, Chris e il loro team di Blumhouse stanno facendo un lavoro straordinario e non vediamo l’ora di fornire uno sguardo all’interno di uno dei momenti più cruciali nella storia della nostra azienda”, ha affermato Kevin Dunn, WWE Executive Producer & Chief of Global Television Distribution. “Abbiamo una saga drammatica e avvincente che attirerà lo spaccato dei fan di Blumhouse e della WWE”, ha affermato Chris McCumber, presidente di Blumhouse Television. “Dire che sono entusiasta di collaborare di nuovo con la WWE è un eufemismo”.

  •   
  •  
  •  
  •