Atletica leggera: ultima giornata dei Mondiali Under 20 a Tampere

Pubblicato il autore: rizzoli giorgio Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Oltre alla fantastica vittoria della staffetta italiana nella 4×400 maschile, la giornata conclusiva dei Campionati Mondiali Under 20 a Tampere in Finlandia, ha assegnato altri 8 titoli iridati.
Nella 4×400 femminile vittoria degli Stati Uniti con il tempo di 3.28.74, davanti alla Australia con 3.31.36 e alla Giamaica con 3.31.90. La staffetta italiana, composta da Camilla Pitzalis, Eloisa Coiro, Chiara Gherardi, Elisabetta Vandi, si è piazzata al 6° posto con 3.34.00, nuovo record italiano juniores.
La prima gara della giornata era stato il salto in alto femminile: ha vinto con la misura di 1,92 la bielorussa Karyna Taranda; sul podio con 1,90 vanno anche l’irlandese Sommer Lecky e la colombiana Maria Fernanda Murillo.
Nei 100 hs femminili arrivano appaiate la statunitense Tia Jones e la giamaicana Britany Anderson: il crono assegna 13.01 al centesimo per entrambe e pure il rilievo al millesimo risulta uguale, ma la vittoria è assegnata alla statunitense. L’altra statunitense Cortney Jones si piazza al 3° posto con 13.19.
La Giamaica non è solo terra di velocisti: nel disco maschile il vincitore è infatti un atleta giamaicano, Kai Chang con 62,36. L’argento va all’atleta della Bielorussia Yauheni Bahutski con 61,75, il bronzo al cileno Claudio Romero con 60,81.
Nei 3000 siepi maschili il dominio è come solito dei paesi africani: al 1° posto è l’etiope Takele Nigate con 8.25.35, che precede di strettissima misura il keniano Leonard Kipkemoi Bett con 8.25.39 e l’altro etiope Getnet Wale con 8.26.16. Al 4° posto un altro atleta della’Africa, l’ugandese Albert Chemutai con 8.28.63. Buon piazzamento per l’italiano Giovanni Gatto, che si piazza al 6° posto con il primato personale di 8.52.09.
La bulgara Aleksandra Nacheva si aggiudica il triplo con 14,18, davanti alla brasiliana Michieli Santos con 13,81 e alla cubana Davisleidy Velazco con 13,78.
Nei 1500 metri femminili il successo va all’etiope Alemaz Samuel con 4.09.67, poi la keniana Miriam Cherop con 4.10.73 e la svizzera Delia Sclabas con 4.11.98.
Negli 800 metri maschili doppietta degli atleti del Kenya che vincono il titolo mondiale con Solomon Lekuta con 1.46.35, davanti al connazionale Ngeno Kipngetich con 1.46.45; al 3° posto il belga Eliott Crestan con 1.47.27. Sfortunato al 5° posto l’italiano Simone Barontini con 1.51.08, danneggiato ai 350 metri a seguito di una caduta che ha spezzato il gruppo in 2 tronconi e irrimediabilmente per gli atleti che erano in coda non c’è stata possibilità di recupero.

  •   
  •  
  •  
  •