Marcell Jacobs: il coach pensa a nuove tecniche di allenamento

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Marcell Jacobs: l’allenatore racconta le nuove modalità di allenamento. Paolo Camossi, coach del campione olimpionico, specifica le evoluzioni che adotterà per potenziare le performances dell’atleta. Nel corso di un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, ha inoltre raccontato di come, lavorando alacremente, sia stato in grado di risolvere un problema che affliggeva le esecuzioni del centometrista.

Marcell Jacobs: i futuri programmi dell’allenatore

Paolo Camossi, ai giornalisti della Rosea che lo hanno intervistato, ha detto: “Puntiamo a trasformare i 100 in una lunga accelerazione. Di solito l’obiettivo è il mantenimento della fase lanciata, ma Marcell ha caratteristiche tali che potrebbero consentirgli un’approccio diverso. Vorrei che in futuro la sua fase di accelerazione fosse la più lunga possibile, che culminasse solo al centesimo metro, senza alcun calo“.  Ha, inoltre, esplicato come ha colmato una lacuna nelle prestazioni del velocista: “Analizzando l’azione di Marcell biomeccanicamente ci siamo accorti che la gamba destra aveva la tendenza ad andare un po’ a rimorchio. Ora grazie ad andature varie, esercizi di sensibilizzazione e manipolazioni, il problema è pressochè risolto“. E poi, concludendo, ha affermato che vorrà realizzare: “Un lavoro più continuo sull’ipervelocità nello scudo. Si tratta di correre inseguendo un’auto che traina, agganciata, una sorta di grande campana su due ruote aperta da un solo lato, che impone un ritmo definito e riduce la resistenza dell’aria. Entro fine anno, al Centro di preparazione olimpica dell’Acquacetosa, a due passi dal Rosi, sarà pronto un rettilineo di 200 m che, per sfruttare la gabbia, ci permetterà di non allontanarci da casa“.

  •   
  •  
  •  
  •