NBA, risultati del 17 ottobre. Golden State batte Oklahoma con super Curry

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui
PHILADELPHIA, PA - NOVEMBER 18: Stephen Curry #30 of the Golden State Warriors brings the ball up the floor against the Philadelphia 76ers in the second half at Wells Fargo Center on November 18, 2017 in Philadelphia,Pennsylvania. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Rob Carr/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Nella notte italiana, si è aperta la stagione Nba 2018/2019, con due partite. I campioni in carica dei Golden State Warriors, hanno battuto in casa gli Oklahoma City Thunder, per 108-100. Alla Oracle Arena di San Francisco, i californiani hanno iniziato esattamente da dove hanno lasciato, con 32 punti, di Stephen Curry, impreziositi da otto rimbalzi e nove assist, in 37 minuti giocati. Decisivo come sempre, l’apporto di Kevin Durant, con 27 punti totalizzati. Nel primo quarto, i padroni di casa vanno subito sul + 12 (31-23), In quello successivo la musica non cambia, i Thunder accorciano, ma di poco, andando all’intervallo sotto di dieci punti 57-47. Nella ripresa Oklahoma entra in campo, molto più determinata e trascinata dal solito Paul George, si porta addirittura avanti di tre lunghezze 66-69, con un parziale di 26-32, ma nel finale del terzo quarto si fanno rimontare. Nel quarto decisivo, George e compagni pareggiano per ben due volte il risultato, ma crollano sull’87-87, incassando il – 8 finale. Per gli ospiti, buona la prova del tedesco Dennis Schroder, acquistato dagli Atlanta Hawks e autore di 21 punti, mentre Steve Adams, chiude a quota 17.

Leggi anche:  Brooklyn Nets-Milwaukee Bucks: streaming e diretta tv? Dove vedere gara 7

Esordio vincente anche per i Boston Celtics, che davanti al pubblico amico, del Td Garden, battono i Philadelphia 76ers, squadra rivelazione della passata stagione. La partita è equilibrata, fino all’intervallo, con le due franchigie, che si sono equivalse, 21-21 nel primo quarto, ma nella seconda frazione Philadelphia subisce un parziale iniziale di 8-0, e va negli spogliatoi sul 47-42. Nella ripresa, i biancoverdi convincono sul piano del gioco, e trascinati da Jayson Tatum, Marc Morris e Jaylen Brown, costruiscono un buon margine di vantaggio a quota + 11 (77-66). Nell’ultimo quarto, i Celtics piazzano l’allungo decisivo, con un parziale di 28-21, che vale il + 18 finale, sul 105-87. Poco da fare per Phila, alla quale non bastano i 23 punti del solito Joel Emblid,  e Ben Simmons, che ne fa 19. Non basta nemmeno, J.J Redick, particolarmente dalla distanza, a fine gara il suo score dice 16 punti.

  •   
  •  
  •  
  •