Banchero: l’andamento parziale in NBA, in attesa del match con Boston

Pubblicato il autore: Enzo Palo

banchero
Paolo Banchero sta impressionando in maniera positiva tutti gli addetti ai lavori. L’Italo-americano ha risposto sul parquet a tutti i detrattori stupiti che fosse lui la prima scelta del draft. Nonostante l’inizio difficile degli Orlando, il cestista sta diventando la colonna portante della squadra e la base su cui costruire un roster giovane e competitivo. Un dato fa capire l’importanza di Banchero nei Magic, è primo in squadra per percentuale di possessi utilizzati con il 27.4%, in pratica quasi tutto passa dalle sue mani.

I numeri di Banchero in NBA

Pozzecco spera che abbracci la causa azzurra, lui ci pensa e nel frattempo continua a essere il miglior rookie realizzatore della stagione. Banchero viaggia a 21.6 punti di media a partita (quasi 4 punti in più rispetto al secondo) in poco meno di 35 minuti. Un altro punto forte del cestista NBA è la sua costanza di rendimento, infatti in 23 partite disputate solo una volta non è andato in doppia cifre e soltanto in quattro incontri non ha superato i venti punti, fermandosi una volta a 15 (contro OKC), due a 18 (con Dallas e Philadelphia) e una a 19 (sempre contro i Sixers). Paolo Banchero si sta dimostrando una spina nel fianco per le difese avversarie che spesso per fermarlo commettono fallo. Non a caso il giocatore dei Magic tira 8.5 liberi di media e solo Antetokounmpo, Embiid, Doncic, Gilgeous-Alexander e Morant se ne procurano di più.

Le aree di miglioramento

La stella di Orlando non è ancora una macchina perfetta e fra gli aspetti da migliorare ci sono il tiro in sospensione e quello dalla media distanza (sua arma in più nel pre-draft). In generale Paolo Banchero può crescere anche in difesa (specialmente nelle azioni ‘lontano dalla palla’) e nei rimbalzi.

  •   
  •  
  •  
  •