George Weah è il nuovo presidente della Liberia. L’ex Milan trionfa al ballottaggio

Pubblicato il autore: Carla Pilia Segui

George Weah, 51 anni, ex attaccante del Milan, ha vinto le elezioni presidenziali del suo paese d’origine passando da leggenda del calcio a presidente della Liberia.
Al termine del lungo ballottaggio, che lo ha visto contrapposto al 73enne Joseph Boakai, Weah, è il nuovo presidente di un paese dilaniato da due lunghi conflitti civili tra il 1989 e il 2003 e, ancora oggi, uno dei paesi più poveri e instabili dell’Africa occidentale.
Unico pallone d’oro africano e vincitore del FIFA World Player nel 1995, George Weah era stato battuto alle scorse elezioni del 2005 dalla presidentessa uscente Ellen Johnson-Sirleaf, prima donna a capo di uno stato africano e premio Nobel per la pace nel 2011.
Weah, che fino ad oggi è stato senatore di opposizione della Coalition for Democratic Change, nell’ottobre scorso era stato il primo degli eletti nella tornata elettorale che doveva scegliere i due candidati alla presidenza non raggiungendo però il 50% dei voti, quorum necessario ad evitargli il ballottaggio.
Alle urne si sono recati più di 2 milioni di elettori e la vittoria di George Weah, uno dei migliori attaccanti degli anni ’90,  è considerata ufficiale in quanto la Commissione elettorale della Liberia ha due settimane di tempo per rendere noto il risultato finale delle elezioni,

Leggi anche:  Selvaggia Lucarelli: "L'uso che il giornalismo sportivo fa delle belle ragazze è già una molestia"
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: