Caressa:”Salah è stato venduto malissimo, così la Roma non vincerà mai”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
caressa

Caressa attacca la Roma

Caressa attacca la Roma. Non ha usato troppo giochi di parole il giornalista Sky per analizzare il momento giallorosso. Durante uno dei consueti studi di Sky Sport 24, Fabio Caressa ha condannato il mercato estivo della Roma. Il giornalista ha criticato la cessione di Salah e il continuo ricambio di giocatori che c’è a Trigoria. “Il Fair Play Finanziario non aiuta di certo le squadre italiane. Però vedere che Salah è stato venduto ad un quarto di quanto è stato venduto Coutinho fa pensare. In stagione l’egiziano ha segnato il doppio del brasiliano, vuol dire che l’estate scorsa è stato venduto troppo in fretta”. Caressa ha anche criticato l’uso dei soldi fatto da Monchi:Non solo è stato ceduto troppo frettolosamente, ma non è stato neanche sostituito adeguatamente”. Parole che colpiscono nel segno quelle di Caressa. Era dalla stagione 2012/2013, con Zeman in panchina, che la Roma non era così lontana dal vertice della classifica.

Leggi anche:  Dove vedere Milan-Venezia, streaming e diretta Tv

Caressa ha anche parlato del modus operandi della Roma:”Se si continua a cambiare così tanto ad ogni fine stagione, sarà quasi impossibile vincere. Se vengono venduti i giocatori migliori e non vengono adeguatamente sostituiti, la Roma non vincerà mai niente”. Un attacco frontale in piena regola, ma molto condivisibile. D’altronde le ultime voci su Nainggolan non hanno fatto certo piacere ai tifosi romanisti. Il mercato estivo, fino ad ora, è stato deficitario. Defrel, Schick, Moreno, Karsdorp, Gonalons non hanno aggiunto nulla al valore della Roma. Il solo Kolarov dei nuovi arrivati si è imposto. Ma il serbo è un giocatore di esperienza e aveva il vantaggio di conoscere il calcio italiano. Le parole di Caressa devono far riflettere. E molto.

Caressa-Roma, un attacco che fa riflettere

L’intervento di Fabio Caressa a Sky Sport 24 farà certamente discutere l’ambiente romanista. Di Francesco sta attraversando il periodo pià difficile da quando è allenatore della Roma. Domenica prossima c’è l’Inter di Spalletti. Uno spareggio Champions League da non fallire per De Rossi e compagni. Pensare che un mese fa si festeggiava la qualificazione da prima nel girone in Champions League. Dopo di che è cominciata una calata preoccupante nel rendimento della Roma.

Leggi anche:  Perugia Calcio Femminile, Noemi Paolini: "Per me è importante portare avanti un percorso costante di crescita"

Una sola vittoria, a tempo scaduto con il Cagliari, e cinque punti in cinque partite. In più c’è stata l’eliminazione in Coppa Italia contro il Torino. Il match di domenica sera contro l’Inter dirà se la Roma è uscita fuori dal tunnel. C’è anche da vendicare l’ingiusta sconfitta dell’andata. All’Olimpico fu un 1-3 pieno di rimpianti, tra pali e rigori negati. Quella sconfitta però segnò l’inizio di un periodo molto positivo per i giallorossi. Un girone dopo la Roma è chiamata al riscatto, altrimenti i processi a Monchi e Di Francesco diventeranno sempre più aspri. Tra un mese c’è anche l’impegno europeo di Champions League contro lo Shakhtar Donetsk. La Roma che ha sopravanzato Atletico Madrid e Chelsea può battere tranquillamente gli ucraini. Quella dell’ultimo periodo, no. Bisogna rialzarsi e in fretta, il calcio non aspetta nessuno.

  •   
  •  
  •  
  •