Mionic, il Milan ha il nuovo Boban? Rami-Rolando insieme al Marsiglia

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui


Mionic,
nuova stella croata rossonera? E’ nato nel 2001, proprio quando il giocatore croato più forte di sempre lasciava il Milan. Antonio Mionic è il nuovo arrivo di gennaio a Milanello. Troppo facile accostare un ragazzo croato di talento che gioca a centrocampo a sua maestà Zvonimir Boban. L’indimenticato numero 10 di Dinamo Zagabria e Milan ha fatto la storia del Milan e della Croazia. Con i rossoneri ha vinto tutto ed era il capitano della sua nazionale che arrivò ad uno storico terzo posto ai Mondiali di Francia ’98. Ripercorrere almeno in parte le orme di Boban è il sogno di qualsiasi ragazzo croato, anche di Mionic. Lo presenta al mondo l’avvocato Pio Turano, agente del giocatore:”E’ una mezzala che può fare anche il trequartista. E’ cresciuto molto negli ultimi due anni. Ha giocato nell’Under17 dell’Istra, doveva passare adesso nell’Under19. L’operazione col Milan doveva concludersi ad agosto, ma il ragazzo ha subito un infortunio ed è stata rimandata a gennaio”.

Turano continua a parlare di Mionic:Paragoni non ne faccio… E’ una mezzala molto veloce, ambidestro. Ha cambio passo notevole, sono le cose che hanno impressionato di più lo scouting del Milan a cui faccio i complimenti per il lavoro che stanno facendo in Italia e all’estero. Ci sono state richieste davvero importanti ma il ragazzo ha espresso il desiderio di misurarsi col Milan e i rossoneri sono stati efficaci nel richiedere il ragazzo”. Il giovanissimo talento croato ha talento e testa, parola del suo agente. Per adesso verrà aggregato alle giovanili rossonere, poi si vedrà. Per arrivare a Boban di strada ce n’è tantissima da fare, però Croazia-Milan è stato spesso un abbinamento vincente. Molto vincente.

Mionic vuole diventare grande a Milano, Rami-Rolando grandi a Marsiglia

Entrami sono nati nel 1985, entrambi arrivarono nel calcio italiano nel 2013, entrambi hanno giocato a Milano, ora giocano insieme nel Marsiglia. La vita, anche quella calcistica, può avere curiose coincidenze. Adil Rami e Rolando si ritrovano a formare la coppia centrale del Marsiglia di Rudi Garcia, ex allenatore della Roma. Come detto sbarcano entrambi a Milano nel 2013. Rami però comincia a giocare nel gennaio 2014, perché viene tesserato dopo la chiusura del mercato estivo. Il francese arriva al Milan dal Valencia. Dopo l’esordio con Allegri, ecco l’esonero del tecnico toscano. Arriva Seedorf, Rami gioca con buona continuità. Poi anche l’olandese viene mandato via e arriva Pippo Inzaghi. Con l’ex bomber il feeling non sboccia. Rami viene ceduto al Siviglia nell’estate del 2015, per poi tornare in Francia al Marsiglia.

Rolando arriva nel calcio italiano a gennaio 2013 al Napoli. Mazzarri lo vuole con sé all‘Inter, dove arriva in prestito dal Porto. 29 presenze e 4 gol per il roccioso difensore portoghese. L’Inter però non lo riscatta e il Porto lo gira nuovamente in prestito all’Anderlecht. Rolando resta pochissimo in Belgio. Il 31 agosto 2015 va a titolo definitivo al Marsiglia. Oggi Rami e Rolando giocano, e bene, al Marsiglia che contende la vittoria della Ligue 1 al Paris Saint Germain dei fenomeni. Guidati in panchina da Garcia, coltivano anche una piccola speranza mondiale. D’altronde a 33 anni sperare nei miracoli è più che lecito.

  •   
  •  
  •  
  •