Andrea Conti, ritorno in campo con il Milan:”Gattuso sa cosa fare con me”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
FLORENCE, ITALY - DECEMBER 30: Manager of AC Milan Gennaro Gattuso gestures during the serie A match between ACF Fiorentina and AC Milan at Stadio Artemio Franchi on December 30, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Andrea Conti, si avvicina il ritorno in campo. 60 minuti per tornare a sentirsi un giocatore di calcio. Oggi a Milanello c’è stato un test in famiglia tra i reduci del Milan e la primavera rossonera. Una partita organizzata apposta per testare le condizioni di Andrea Conti. A sei mesi e mezzi dall’infortunio al ginocchio l’ex Atalanta è rimasto in campo per tutto il tempo e vede avvicinarsi sempre il ritorno in serie A. Conti è già stato convocato da Rino Gattuso per il match contro il Chievo, vinto per 3-2 dai rossoneri. Una presenza in panchina per tornare a sentirsi parte integrante del gruppo. Ora il terzino rossonero sarà certamente tra i partenti per Juventus-Milan, resta da vedere se riuscirà anche ad assaggiare il campo. Conti può essere una pedina fondamentale per il finale di stagione dei rossoneri. Per Gattuso la propulsione sulla fasce degli esterni di difesa è molto importante.

Leggi anche:  Marchisio Sindaco di Torino? La proposta del PD, l'ex Juve ci pensa: "Se la mia città ha bisogno io ci sono"

Al termine dell’amichevole interna tra prima squadra e Primavera, Andrea Conti ha parlato a Premium Sport. Sulle sue condizioni fisiche: “Sto bene, era importante mettere minuti nelle gambe anche se in una partita non con i ritmi della serie A. So già cosa vuole il mister da noi e questo è un bene. Dobbiamo continuare  a lavorare”. Su un eventuale ritorno in campo nel derby: “Devo lavorare ancora tanto, non sarebbe male tornare contro l’Inter”.

Calabria sta giocando su buoni livelli, ma deve convivere con molti fastidi fisici. Abate è fermo da diverso tempo, mentre sull’altro lato Rodriguez è la controfigura del giocatore ammirato a inizio stagione. Antonelli ormai vive ai margini di Milanello. Una situazione che ha portato Gattuso ad adattare Borini nel ruolo di terzino. L’ex Sunderland si adatta piuttosto bene in quella zona di campo, ma ogni tanto evidenzia delle pecche in fase difensiva. Com’è accaduto con il Chievo, in occasione del primo gol subito da Donnarumma. Andrea Conti quindi può essere un jolly importante da giocare per Gattuso. Senza fretta, perché è sempre cattiva consigliera. Anche nel calcio.

Leggi anche:  Juve Stabia Bari 0-2: doppietta di Marras, Vespe Ko al Menti

Andrea Conti, Milan e Nazionale nel mirino dell’ex Atalanta

E’ stato uno dei giocatori più desiderati nello scorso calciomercato estivo, poi il brutto infortunio ha ritardato la sua definitiva esplosione. Andrea Conti è ora pronto a riprendersi tutto. Cominciando da una maglia da titolare nel Milan. I rossoneri hanno investito tanto su di lui, confidando nelle sue doti di corsa e tecnica. Conti è stato uno degli miglior esterni dello scorso campionato. Nell‘Atalanta, con Gasperini, giocava da esterno di centrocampo, anche se in carriera ha sempre giocato in una difesa a quattro.

Gattuso lavorerà certamente sulla fase difensiva di Andrea Conti, senza limitarne troppo le sgroppate in attacco.  Quando si gioca con un centrocampo a tre sono i terzini a dover dare l’ampiezza del gioco ad una squadra. Non è un caso che con Gattuso sia arrivato il primo gol in campionato per Calabria. Anche perché da quella parte c’è Suso, che resta il catalizzatore principale della manovra offensiva milanista. Una fascia destra che promette scintille con il ritorno al top di Conti. Il Milan avrà bisogno anche di lui in un infuocato mese di aprile. I rossoneri sono attesi da un ciclo terribile in campionato. Juventus, Inter, Sassuolo, Napoli, Torino e Benevento, tutto in 22 giorni. Un susseguirsi di partite che diranno molto, forse tutto, del finale di stagione milanista. Gattuso avrà bisogno dell’aiuto di tutti i componenti della rosa rossonera. Anche delle corse a perdifiato sulla fascia di Andrea Conti, ma senza correre rischi. Assolutamente.

  •   
  •  
  •  
  •