Diletta Leotta, il caso-social è sempre aperto. Le scuse di Fabio Ravezzani bastano?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Diletta Leotta, altro caso sulla conduttrice Sky. Non c’è pace per la padrona di casa della serie B Sky. Prima le foto rubate, poi le polemiche per la sua presenza a Sanremo, ora i commenti sessisti. “Se tu la vedi ha il cavallo giusto. È tutta rifatta, ha il fratello chirurgo. Noi uomini mangiamo sempre con gli occhi, ma quando ce l’hai nel letto devi vedere l’educazione che le hanno dato a letto perché magari è pudica e le fa schifo fare certe cose. Una che si fa delle foto così non è pudica”. Questo uno dei commenti che alcuni componenti dello staff di Top Calcio 24 si sono fatti sfuggire pensando di essere fuori onda. “E’ una maiala, una malata di c***o”, queste le altre pesantissime parole pronunciate dagli improvvidi giornalisti dell’emittente sportiva. Dopo la diffusione del video, il direttore di Top Calcio 24, Fabio Ravezzani, ha postato un tweet di scuse nei confronti di Diletta. “Un fuori onda andato alle 4 del mattino per un errore di marcatura dell’emissionista (in diretta c’era la pubblicità) – scrive in risposta all’utente che aveva postato il video su TwitterPessima conversazione privata, comunque, e mi scuso a nome di tutti con una collega molto brava e preparata”. La prossima volta state più attenti, che oggi anche i muri hanno occhi e orecchie.

Leggi anche:  Nations League, sorteggi fatti: sarà Italia-Spagna

Nel primo pomeriggio sono arrivate le scuse a Diletta Leotta per il tenore delle frasi, ma il danno ormai è fatto. La bella conduttrice di Sky avrà fatto il callo a questi casi che la riguardano. La Leotta è uno dei personaggi più seguiti sulla rete. Una sua foto cattura decina di migliaia di like, sia su Facebook che su Instagram. La conduttrice è popolarissima tra gli sportivi, anche chi non ha la serie B tra i propri campionati preferiti. Come tutti i personaggi molto in vista anche Diletta Leotta non può sottrarsi a invidie e commenti acidi. Anche questo è il prezzo da pagare per essere belle e famose.

Diletta Leotta, altro caso di sessismo dopo Sarri-Improta

Le scuse forse non bastano. Pochi giorni dopo il caso che ha coinvolto Maurizio Sarri e la giornalista di Canale 21, Titti Improta ci risiamo. Il mondo del calcio, televisivo e non, è sempre più ricco di donne. Per quanto riguarda Diletta Leotta alzi la mano chi non la trovi altamente qualificata e professionale. E’ anche una bella ragazza, ma neanche i colleghi uomini a Sky ci sembrano i fratelli brutti di Frankenstein. Il sessismo colpisce quasi sempre le donne, perché di un bell’uomo che appare in tv difficilmente si mettono in discussione le qualità professionali.

Leggi anche:  Lukaku il gigante Internazionale

I “signori” che hanno fatto commenti più o meno discutibili tengano presenti che oggi anche i muri hanno le orecchie e che la prossima volta facciano questi commenti da caserma in un posto privo di microfoni. Dopo i fatti passati siamo sicuri che Diletta Leotta domani alle 14 apparirà  su Sky bella e rilassata a condurre la sua trasmissione sulla serie B. Poi chi non la ritiene all’altezza di tale ruolo può esprimere le sue rimostranze a Sky, oppure cambiare canale. Viviamo ancora in un paese libero. Grazie a Dio.

 

  •   
  •  
  •  
  •