L’Italia riparte da Jorginho: “Non sono pentito della mia scelta, credo nel nuovo progetto”

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

Il nuovo ciclo della nazionale italiana è pronto a partire dopo la mancata qualificazione al Mondiale di Russia. Il commissario tecnico Gigi Di Biagio ha deciso di affidarsi al regista del Napoli Jorginho, convocato anche da Ventura per la nefasta sfida contro la Svezia a San Siro.

L’ex centrocampista del Verona non si affatto pentito di aver detto si al Bel Paese ed è pronto a mettersi a disposizione della causa azzurra: “Dobbiamo credere nel nuovo progetto e ripartire. Mi è dispiaciuto non aver potuto dare una mano all’Italia in precedenza, ma non è colpa mia. Nonostante tutto sono convinto della scelta che ho fatto, certo avrei potuto optare per il Brasile, ma sono in questo paese da tantissimo tempo. Qui mi hanno accolto bene e ho realizzato tutti i miei sogni”.

Leggi anche:  Juventus, Ronaldo in lizza per il premio Giocatore del secolo

Jorginho ha poi parlato della possibilità di giocare con Verratti, e del neo commissario tecnico Di Biagio: “Giocare con Marco è semplice, si tratta di un giocatore di grandissima qualità. Penso che possiamo coesistere tranquillamente. Per quanto riguarda il ct, vuole coraggio da parte nostra e punta a costruire una squadra veloce che sappia giocare palla a terra, un po’ come accade al Napoli”.

A livello tattico non sembrano esserci troppi problemi per Jorginho visto che Di Biagio utilizza spesso il 4-3-3, modulo congeniale alle sue caratteristiche e in cui ha mostrato tutto il suo potenziale negli anni.

I primi impegni da affrontare sono le amichevoli contro l’Argentina di Leo Messi (23 marzo alle 20.45 a Manchester) e l’Inghilterra del ct Southgate (27 marzo alle 21.00 a Wembley). Due test decisamente importanti visto il valore degli avversari e che possono essere utili effettuare delle considerazioni per quando ci sarà da disputare le prime gare ufficiali.

Leggi anche:  Padova: una sconfitta che deve far riflettere

Sicuramente i problemi sono ancora tanti e di certezze per il futuro ce ne sono davvero poche, ma poter disporre di uomini di qualità in mezzo al campo è già un piccolo passo.

  •   
  •  
  •  
  •