Corea del Sud eliminata dal Mondiale: uova sui giocatori a Seul

Pubblicato il autore: LucMatt Segui

È stata una complicata accoglienza quella riservata ai giocatori e allo staff della Corea del Sud dopo l’eliminazione dal mondiale di Russia 2018. Sembrava poter bastare, per sedare la rabbia dei tifosi, aver rifilato due gol alla Germania campione del mondo in carica, lodevoli ma inutili ai fini della classifica del girone F del mondiale dal quale sono stati estromessi – assieme proprio ai tedeschi – dopo aver collezionato due sconfitte nelle prime due giornate contro Svezia e Messico.

DAEGU, South Korea - MAY 28: South Korean team pose during the international friendly match between South Korea and Honduras at Daegu World Cup Stadium on May 28, 2018 in Daegu, South Korea. (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La squadra e il suo staff appena messo piede nel proprio paese, sono stati accolti da una folla di compatrioti colmi di delusione e senza alcuna intenzione di festeggiare un 2 a 0 inutile per la propria nazionale. Quasi cinquecento fanatici tifosi della nazionale della Corea del Sud hanno infatti aspettato l’arrivo dei propri connazionali all’Incheon International Airport di Seul e un gruppo di questi, più arrabbiati che contenti nel rivederli a casa così presto, ha lanciato verso di loro uova e cuscini con sopra la bandiera del Regno Unito che i giocatori hanno dovuto abilmente schivare.
Shin Tae-Yong, commissario tecnico della Corea del Sud, ha poi preso il microfono per condividere con la folla la propria delusione. “Non sarei voluto tornare a casa fino a luglio ed è deludente tornare a giugno. Vorrei ringraziare i nostri supporter per l’amore e l’appoggio dimostratoci. Senza di loro non avremmo potuto fare questo miracolo che abbiamo fatto”, ha detto tentando di sedare gli animi.
Tale intervento non ha però diminuito l’amarezza dell’eliminazione da un girone che non sembrava impossibile per i Guerrieri Taeguk, che anche quattro anni fa nel mondiale brasiliano furono estromessi al primo turno. Quella volta, però, ad attenderli trovarono un fitto lancio di dolci tradizionali, gesto particolarmente offensivo per la cultura della Corea del Sud.
Si rifaranno fra quattro anni in Qatar o dovranno aspettarsi altre sorprese dai propri sostenitori?

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, Pirlo: "Senza giocatori esperti facciamo fatica"