Italia, Mancini lo spremi-Milan: con il Portogallo quattro rossoneri dall’inizio

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Giacomo Bonaventura – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Mancini, il c.t si affida ai milanisti contro il Portogallo. Il nuovo corso dell’Italia riparte dai giocatori del Milan. Inevitabilmente. Si perché Gattuso è il tecnico che manda in campo il maggior numero di italiani, quasi tutti giovani. Donnarumma, Caldara, Romagnoli e Bonaventura, saranno loro il blocco rossonero a cui si affiderà Mancini a Lisbona contro il Portogallo. Nell’undici iniziale azzurro non si sarà nessun giocatore della Juventus, né del Napoli. Ci sarà l’interista Gagliardini, il genoano Criscito, il fiorentina Chiesa, il laziale Immobile, il torinista Zaza o Lazzari della Spal. L’unico “emigrante” presente nell’Italia anti-Portogallo sarà Jorginho, passato da pochi mesi dal Napoli al Chelsea. Una nazionale molto giovane, dove i soli Bonaventura e Criscito sono nati prima del 1990.

Leggi anche:  Torino corsaro ad Udine: Belotti sbanca il Friuli

Un cambio generazionale voluta da Mancini, anche rispetto al recentissimo passato. Infatti il c.t. cambia otto degli undici titolari che hanno iniziato il match con la Polonia. Via la coppia juventina un po’ vintage Bonucci-Chiellini, dentro quella del futuro Caldara-Romagnoli. L’ex atalantino non ha ancora esordito con la maglia del Milan in campionato, ma lo farà molto a presto. Forse già a Cagliari domenica prossima. Chissà se Gattuso sarà più orgoglioso per vedere tanti suoi giocatori in Nazionale o preoccupato per lo sforzo nella settimana in cui riprende la Serie A. Un azzurro sempre più colorato di rossonero, visto che anche Calabria e Cutrone sono elementi imprescindibili dell’Under 21 di Gigi Di Biagio. “Italians do it better”, a Milanello lo hanno capito. La speranza che anche altri seguano la strada tracciata dalla società di via Aldo Rossi.

Leggi anche:  Inter, Conte: “Stiamo iniziando a vedere la meta, ma dobbiamo continuare a spingere”

Mancini si affida all’Ital-Milan, scelta o necessità?

Quando una Nazionale italiana scende in campo senza giocatori della Juventus fa sempre effetto. Pensando che solo 72 ore fa erano tre i bianconeri presenti nella formazione iniziale anti-Polonia per l’esordio in Nations League: Bonucci, Chiellini e Bernardeschi. Chissà forse Mancini pensava di battere la Polonia, per poi affidarsi al turnover in Portogallo. Una scelta dettata anche dal fatto anche da altri fattori? La Juventus giocherà domenica in campionato. I giocatori domani saranno a disposizione di Allegri, che non avrà particolare fretta nel preparare il match con il Sassuolo. Sopratutto se i nazionali italiani non metteranno piede in campo.

Mancini manderà in campo quattro giocatori del Milan, in attesa di Calabria-Cutrone impegnati domani con l’Under 21 con l‘Albania. Gattuso quindi avrà a disposizione i giocatori dopo che avranno giocato un’altra partita ufficiale. bicchiere mezzo pieno. Gattuso avrà a disposizione i giocatori che avranno altre tossine nella gambe a cinque giorni dall’inizio del primo tour de force stagionale, bicchiere mezzo vuoto. Chi avrà ragione? Lo scopriremo solo vivendo. E giocando.

  •   
  •  
  •  
  •