Milan, Suma difende Montolivo:”Il giocatore più centrifugato degli ultimi anni”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Milan – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Milan, Suma invoca rispetto per Montolivo. In un anno, poco più, è passato da essere capitano del Milan a elemento fuori rosa. Riccardo Montolivo è ai margini del progetto tecnico rossonero. Il centrocampista non ha ancora giocato un minuto in stagione, ma continua ad allenarsi al meglio a Milanello. Gattuso nei suoi confronti è stato chiaro fin dall’estate, non portandolo neanche negli Stati Uniti per le amichevoli pre-campionato. Montolivo è rimasto a Milanello ad allenarsi e alla fine è stato inserito anche nella lista UEFA per l’Europa League. Nel suo consueto editoriale per Milannews.it Mauro Suma si è soffermato sulla situazione dell’ex capitano milanista.” Non possiamo non notare che Montolivo è stato il giocatore più centrifugato degli ultimi anni. Gli è stato attribuito di tutto, dall’essere il volto di un certo tipo di gestione societaria alle accuse per le prestazioni (anche quelle in cui piuttosto che far fare brutta figura su una palla ad un compagno, preferiva farla lui), fino ad essere il bersaglio preferito delle contestazioni dei tifosi a San Siro”.

Suma fa capire che la situazione di Montolivo è in evoluzione:”La sensazione è che, un cambiamento societario dopo l’altro, tutto sia in movimento, mentre per Riccardo il tempo sembra essersi fermato. Rino Gattuso ha tutto il diritto, e il dovere, di fare le sue scelte. Non vive di pregiudizi e nemmeno di cattiverie. Ma il fatto che, nonostante non venga convocato, Montolivo stia passando il tempo ad allenarsi al meglio e a rispettare con il suo silenzio le scelte nei suoi confronti, può anche essere un segnale. Di ricomposizione della vicenda. Leonardo e Paolo Maldini sono sereni rispetto alla questione, lo stesso Riccardo è stato inserito nella lista Uefa del Milan per l’Europa League. Non resta che seguire l’intera evoluzione”. Insomma in caso di assoluto bisogno Gattuso sa che il vecchio Montolivo c’è. Se Mauri e Bertolacci sono quelli visti con il Dudelange la chance per l’ex Fiorentina non tarderà ad arrivare. Statene certi.

Suma su Gomez-Biglia: occhio ai colpi bassi del Papu

Suma ha anche parlato del prossimo avversario del Milan in campionato, l‘Atalanta. I rossoneri non vincono in casa contro i nerazurri dal gennaio 2014. Una piccola maledizione che Gattuso vuole sfatare. In più ci sarà il rendez-vous tra Lucas Biglia e il Papu Gomez. Suma sottolinea come il capitano dell’Atalanta, nell’ultimo confronto a Bergamo tra le due squadre, non avesse avuto tanti problemi a colpire la schiena infortunata dell’ex laziale. Suma si chiede se il pubblico di San Siro accoglierà il numero dieci avversario. L‘Atalanta è avversario scomodo e Gasperini in estate ha sperato di essere in Europa League al posto dei rossoneri. Peccato per lui che le cose siano andate diversamente.

Suma dedica uno spazio del suo editoriale per Milannews.it a Bonucci. L’ex milanista non sembra essere considerato come un leader nella Juventus. Nell’ultimo match di campionato contro il Sassuolo, senza Chiellini, la fascia di capitano è andata a Khedira. Non a Bonucci, che infatti non è andato a calmare Douglas Costa impegnato a litigare con Di Francesco. Questo, secondo Suma, è il primo scricchiolio della nuova avventura juventina del 31enne difensore. Che possa essere il primo indizio verso un nuovo addio? Presto per dirlo. Ma con uno come Bonuccimolto incline ai ripensamenti” tutto è possibile. Davvero tutto. Suma dixit.

  •   
  •  
  •  
  •