Milan, casa dolce casa per Gattuso? I rossoneri giocheranno sempre a San Siro a ottobre

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Gennaro Gattuso – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Milan, un mese tutto a San Siro. Dopo tre trasferte nelle ultime quattro partite il Milan riabbraccia San Siro. I rossoneri giocheranno tra le mura amiche prima in Europa League e poi in campionato. Olympiakos giovedì e Chievo domenica prossima in campionato. Due impegni da non fallire prima della sosta di campionato. Gattuso ieri ha concesso una giornata di riposo alla truppa milanista. A Milanello si sono visti solo gli infortunati Conti e Higuain. Il Pipita è sulla via del completo recupero. Il bomber argentino potrebbe andare in panchina contro l’Olympiakos, per essere poi titolare contro il Chievo. Come detto dopo l’impegno con i clivensi ci sarà la sosta per le nazionali. Dopo di che ci saranno altri quattro impegni per i rossoneri, sempre a San Siro.

Leggi anche:  Florentino Perez presidente del Real Madrid fino al 2025

Il 21 ottobre derby in “trasferta” contro l’Inter, poi il 24 match di Europa League con il Betis e il 28 ancora campionato contro la Sampdoria. Chiusura il 31 con il recupero di campionato con il Genoa, sempre a San Siro. Un mese dunque da giocare sempre in casa per il Milan. San Siro deve diventare un vero e proprio fortino per tentare la risalita in campionato. Nel 2018 gli uomini di Gattuso hanno ottenuto 25 punti su 36 al Meazza. Una buona media, ma che può essere migliorata nel prossimo futuro rossonero. Intanto c’è l’Olympiakos da affrontare. I greci sono squadra esperta e smaliziata, da non sottovalutare. Per nessun motivo al mondo. Nessuno.

Milan, un mese per capire dove si può arrivare

Sei partite per capire chi essere. Olympiakos, Chievo, Inter, Betis, Sampdoria e Genoa diranno molto su cosa potrà fare il Milan in questa stagione. I rossoneri hanno già accumulato qualche rimpianto in campionato. La classifica poteva essere migliore, soprattutto vedendo i pareggi con Atalanta ed Empoli. Ma tant’è. La squadra continua a esprimersi su buoni livelli, ma c’è da migliorare. Sopratutto nelle gestione nella fase difensiva e nella gestione del vantaggio. Il Milan subisce gol da 12 partite di fila in campionato. In questa stagione la porta rossonero è rimasta inviolata solo con i modesti lussemburghesi del Dudelange.

Leggi anche:  Zlatan Ibrahimovic, nessuna violazione della zona rossa: ecco cosa è successo veramente

Gli uomini di Gattuso hanno sempre subito gol quando sono andati in vantaggio. Numeri figli di un atteggiamento spesso sbagliato. Con il Sassuolo si è visto qualche miglioramento, ma ancora non basta. Se Donnarumma è stato tra i migliori anche in una partita vinta 4-1 c’è qualcosa che non va. Musacchio non sta facendo rimpiangere Caldara. Anzi l’argentino come rendimento è superiore forse anche allo stesso Romagnoli. Tutta la squadra deve essere conscia delle proprie forze, ma anche dei proprio limiti. San Siro può essere un’arma a doppio taglio. Può aiutare se il Milan giocherà bene, può spazientirsi se invece le cose andranno meno bene. C’è’ da capire i tifosi milanisti. Hanno fame di grande calcio, grandi giocate e grandi giocatori. Gattuso apre giovedì la caccia a ottobre rossonero. Un mese tutto a San Siro, dove non si deve e non si può sbagliare nulla. O quasi.

  •   
  •  
  •  
  •