Nazionale, l’Italia commemora le vittime del Ponte Morandi a Genova

Pubblicato il autore: Matteo Ingrosso Segui
NICE, FRANCE - JUNE 01: Leonardo Bonucci Of Italy celebrates with team-mates after scoring the goal during the International Friendly match between France and Italy at Allianz Riviera Stadium on June 1, 2018 in Nice, France. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Sono giorni di grande commozione a Genova. Durante la conferenza stampa di ieri, Roberto Mancini ha sottolineato l’importanza di giocare l’amichevole contro l’Ucraina allo stadio Luigi Ferraris. Il messaggio di solidarietà alla città si è rinnovato questo pomeriggio, quando la nazionale si è recata sotto il Ponte Morandi, a quasi due mesi esatti dal crollo. Uno scempio già contemplato per alcuni dei giocatori presenti sul luogo della tragedia -per il blucerchiato Caprari e l’ex rossoblu Perin, che hanno guidato la delegazione azzurra- e un effetto straziante anche per Mancini, che molti anni ha passato a Genova da calciatore della Sampdoria. Il pullman della nazionale si è fermato a pochi metri dal luogo del crollo, raggiunto a piedi da tutta la squadra, che ha osservato un minuto di silenzio per commemorare le 43 vittime.

Leggi anche:  Juventus, uno tra Dybala e Ronaldo è di troppo: fissati gli incontri per decidere il futuro

E’ stata poi deposta una corona di fiori con il messaggio “Gli azzurri con Genova nel cuore“. Dalle parole del ct Roberto Mancini, emerge tutta l’incredulità di chi per 15 anni ha vissuto la propria vita in quella splendida città, adesso ferita:”Molte volte sono passato su questo ponte. Vederlo in tv fa impressione ma vederlo dal vivo fa un effetto diverso. E’ ancora più impressionante. Per me è stato un momento di fortissima emozione“.

Sul posto anche il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti, che ha sottolineato l’importanza del gesto della nazionale di essere vicini a Genova e ai suoi cittadini, un gesto dal grande valore simbolico.
Anche la delegazione della nazionale ucraina, guidata da Andrij Shevchenko e Mauro Tassotti, si è recata sotto il Ponte Morandi. Ai microfoni di Sky Sport 24 l’ex bomber del Milan ha speso parole di cordoglio e di solidarietà, ricordando la sua vicinanza all’Italia, ritenuta una seconda patria.

  •   
  •  
  •  
  •