UEL2: la terza coppa europea per club al via dal 2021-2022

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Dalla stagione 2021-2022 le competizioni calcistiche europee saranno di nuovo tre con la nascita della UEL2 (per ora nome provvisorio).
L’ultima stagione europea con tre coppe è stata quella ormai lontana 1998-1999 quando la Lazio battendo il Maiorca per 2-1 nella finale di Birmingham vinse la Coppa delle Coppe, manifestazione che fu poi abolita dalla stagione seguente.

Questa nuova UEL2 avrà lo stesso format della Champions League e dell’Europa League (ora sono 48), con 32 squadre partecipanti con la prima fase a gironi, dove le squadra saranno divisi in otto raggruppamenti da quattro, dove passerà direttamente la prima classificata, mentre le seconde giocheranno un turno di spareggio con le terze classificate dell’Europa League e le vincenti andranno a formare con le prime dei gironi della prima fase, gli ottavi di finale ad eliminazione diretta fino ad arrivare alla finale.
In tutto saranno disputate 141 incontri suddivisi in 15 settimane e la vincitrice della coppa, avrà diritto la stagione seguente a partecipare all’Europa League. Le partite si giocheranno il giovedì con la creazione di una nuova fascia oraria per alcune partite che si dovrebbero giocare alle ore 16.30 (ancora da definire). L’Italia, come le prime quattro del ranking per Nazioni, dovrebbe avere soltanto un club partecipante.
Le finali di tutte e tre le competizione europee per club di disputeranno tutte la stessa settimana: mercoledì (UEL2), giovedì (Europa League) e sabato (Champions League).

Leggi anche:  Le prime dichiarazioni su Instagram di Christian Eriksen

Queste le parole del presidente dell’UEFA Alexsander Ceferin, che ha commentato così l’ufficialità della nuova coppa: “Questa competizione è frutto del continuo dialogo intrapreso con i club attraverso la European Club. C’è stata la richiesta, da parte di tutti i club, di accrescere le possibilità di partecipare con maggiore regolarità alle competizioni europee. Questo risultato è stato raggiunto con un approccio strategico e in accordo con l’obiettivo della UEFA di garantire maggiore qualità e maggiore inclusività alle nostre competizione per club”.

  •   
  •  
  •  
  •