Volley, Challenge Cup: Monza batte gli estoni del Parnu e si qualifica agli ottavi

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui


La Vero Volley Monza ha fatto il suo esordio casalingo nella Challenge Cup battendo gli estoni del Parnu per 3-0 (25-21, 25-22, 25-19) nei sedicesimi di finale, bissando così la vittoria del match di andata (anche quell’occasione per 3-0), qualificandosi per gli ottavi della manifestazione.
La squadra brianzola ha giocato un ottimo match dove il coach Fabio Soli ha scelto l’argentino Orduna in cabina di regia, con Giannotti al posto dell’iraniano Amir Ghafour in diagonale ed è proprio l’italiano insieme a Dzavoronok, Plotnytskyi (top scorer della gara 15 punti con il 76% in attacco) e Yosifov, a guidare i padroni di casa alla conquista dei primi due set, decisivi per la qualificazione.
Nell’ininfluente terzo set i due allenatori hanno fatto parecchi cambi per ruotare i giocatori di solito meno utilizzati, ma l’andamento dell’incontro è stato sempre lo stesso con Monza sempre avanti che ha chiuso agevolmente.
Per gli ospiti da segnalare la buona prova di Neves Atu topo scorer dei suoi con 14 punti.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile

Negli ottavi di finale i lombardi affronteranno la Stessa Rossa di Belgrado che hanno eliminato i bosniaci del Radnik Bijeljina, vincendo sia all’andata che al ritorno per 3-0. L’andata si giocherà in terra serba, il ritorno in Brianza.
La vincente poi sfiderà nei quarti di finale, chi la spunterà tra i finlandesi del Savo Kuopio e gli sloveni del Calcit Kamnik.

Queste le parole dell’opposto Giannotti alla fine del match: “Sicuramente una gara come questa, di fronte ad un avversario che era venuto qui a cuor leggero, non era così semplice da affrontare. Noi siamo stati bravi a non perdere mai la concentrazione, dimostrando di essere una squadra coesa che, indipendentemente da chi va in campo, gioca con il giusto approccio. Ora testa agli ottavi dove affronteremo Belgrado”, 

  •   
  •  
  •  
  •